Perugia, 8 aprile 2021 - In due giorni i "caregiver" che si sono prenotati per il vaccino in Umbria sono stati 11.609. Un vero e proprio boom quello di chi assiste o convive con persone fragili che sta creando qualche problema nell’organizzazione delle vaccinazioni. Le norme prevedono infatti che per ognuno di questi soggetti estremamente vulnerabili, possano essere vaccinate altre cinque persone tra familiari conventi o persone che li assistono. Ed ecco così che dopo i primi 6.730 di martedì, se ne sono prenotati altri 5mila ieri.
E intanto la macchina procede al ritmo di oltre quattromila somministrazioni giornaliere: la prima dose ieri è stata inoculata a 2.600 soggetti, più di settecento tra i vulnerabili, circa 1.500 tra gli ultra 70 e 80 enni, mentre sono stati 122 i nuovi sanitari che si sono sottoposti a vaccinazione. In totale ormai gli umbri a cui è stata somministrata almeno una dose sono quasi 120mila (119.630 pari a quasi il 14% della popolazione) e questo inizia a far ben sperare per un’estate in cui le restrizioni davvero possano allentarsi.
Ieri la piattaforma della Regione non ha fatto registrare problemi e alla fine anche martedì, dopo il caos mattutino, era riiuscita a ripartire senza troppi patemi d’animo. Al punto che nella giornata di apertura delle prenotazioni per i caregiver e i familiari conviventi dei soggetti estremamente vulnerabili si erano prenotati mediante portale e in farmacia più di 12 mila persone, di cui 5 mila caregiver o conviventi e 7 mila soggetti estremamente vulnerabili a cui si sono aggiunti quelli di ieri.
Resta il problema della mancanza di posti per vaccinarsi nella propria città e sono in molti quelli costretti a spostarsi in altri luoghi non proprio a due passi da casa. A questo proposito va detto che lunedì 12 prenderanno il via le vaccinazioni nel nuovo Centro di Todi, ospitato nella palestra della Scuola di Ponterio. "Un risultato di grande importanza – dice il Comune –, che consentirà ai cittadini i residenti nei comuni di Todi e Massa Martana di abbreviare notevolmente i tempi previsti per ricevere l’atteso vaccino. Ed un risultato di prestigio per la nostra amministrazione visto che si tratta del primo centro vaccinale gestito direttamente da un comune in tutta l’Umbria, e uno dei pochissimi in tutta Italia. L’operatività del centro da oggi dato che verranno contattati tutti i cittadini in possesso di prenotazioni successive alla data del 19 aprile, con i quali sarà concordato un nuovo appuntamento con tempi di attesa abbreviati".
Michele Nucci