Perugia, 12 gennaio 2021 - È una storia che si ripete, anche ieri pomeriggio, nonostante gli appelli alla prudenza e i divieti: la neve sul monte Subasio finisce per attirare tanti automobilisti alcuni dei quali troppo spesso finiscono per rimanere bloccati o quantomeno per ritrovarsi in difficoltà. E anche multati. E’accaduto nel fine settimana e in particolar domenica pomeriggio, con i vigili del fuoco del distaccamento di Assisi che, insieme ai colleghi di Perugia, solo a tarda ora, hanno recuperato e messo in sicurezza chi era rimasto...

Perugia, 12 gennaio 2021 - È una storia che si ripete, anche ieri pomeriggio, nonostante gli appelli alla prudenza e i divieti: la neve sul monte Subasio finisce per attirare tanti automobilisti alcuni dei quali troppo spesso finiscono per rimanere bloccati o quantomeno per ritrovarsi in difficoltà. E anche multati. E’accaduto nel fine settimana e in particolar domenica pomeriggio, con i vigili del fuoco del distaccamento di Assisi che, insieme ai colleghi di Perugia, solo a tarda ora, hanno recuperato e messo in sicurezza chi era rimasto in mezzo alla tormenta, con manto nevoso e ghiaccio a rendere impossibile il transito se non adeguatamente equipaggiati. Questa volta i veicoli sono stati lasciati sul posto in quanto alcuni erano sprovviste di catene, altri erano stati letteralmente abbandonati lungo la strada al punto da impedire il passaggio di altri veicoli, compresi quelli di soccorso. Sul posto – nel fine settimana – sono dovuti intervenire oltre ai pompieri (costretti a un lavoro lungo e in condizioni difficili, con il rischio di non poter rispondere ad altre chiamate d’emergenza) anche le forze dell’ordine (Polizia locale, Carabinieri, Guardia di Finanza, Polizia di Stato) per il controllo della situazione e anche del rispetto delle norme anti Covid. La Polizia locale di Assisi ha elevato 15 contravvenzioni per il mancato rispetto del divieto di transito (ciascuna per un importo di 87 euro) mentre in 6 casi è stata contestata la violazione della normativa anti covid relativa allo spostamento in comune diverso da quello di residenza (533 euro).

E anche ieri la situazione si è ripetuta, con automobilisti in difficoltà. Un grande afflusso di gente, in cerca di divertimento all’aria aperta, che però troppo spesso non tiene conto di buonsenso e dei divieti, non avendo, oltretutto, né attrezzature adeguate (gomme, catene) né capacità di guida in condizioni particolare. I divieti che sono presenti nella zona – anche all’inizio della strada del monte – che impongono il divieto di accesso con mezzi e autoveicoli oltre la strada provinciale in corrispondenza dell’Eremo delle Carceri che conduce verso gli Stazzi e i prati sommitali. E non è servito neanche il fatto che, già nel pomeriggio di venerdì 8 gennaio, con condizioni meteo tutto sommato buone, si era creato un ingorgo di auto anche in questo caso per automobilisti in difficoltà e anche per la sosta su ambo i lati della strada, impedendo il doppio senso di circolazione. Nel territorio comunale di Assisi è stato attivato anche il Piano Neve nelle frazioni di montagna e nelle zone interessate dalle precipitazioni nevose di queste ore. E’ stata allertata e si è attivata la Provincia per i tratti di viabilità di propria competenza.

Maurizio Baglioni