Agabiti: "Al centro mettiamo i bisogni delle famiglie"

La Giunta regionale dell'Umbria ha stanziato 1.850.000 euro per contributi ai centri estivi per minori nel 2024. L'iniziativa mira a sostenere le famiglie con figli nati dopo il 31 maggio 2007 e ISEE fino a 40.000 euro, facilitando la conciliazione tra lavoro e cura dei figli. L'assessore Agabiti sottolinea l'importanza di supportare le famiglie e valorizza l'utilizzo innovativo del Fondo Sociale Europeo per aiuti concreti.

Agabiti: "Al centro mettiamo i bisogni delle famiglie"

Agabiti: "Al centro mettiamo i bisogni delle famiglie"

Perugia La Regione Umbria ancora a fianco delle famiglie: ammonta a 1.850.000 euro la somma stanziata dalla Giunta regionale su proposta dell’assessore al bilancio, Paola Agabiti, per l’erogazione alle famiglie di contributi per la partecipazione dei minori ai centri estivi per l’anno 2024. Nella seduta di ieri della Giunta sono stati approvati anche i relativi criteri per l’adozione del bando. "Si tratta di una significativa misura destinata alle famiglie residenti in Umbria con figli nati successivamente al 31 maggio 2007 ed un ISEE di importo non superiore a Euro 40.000 – rende noto l’assessore Agabiti – . Con la delibera di abbiamo voluto dare continuità ad una misura che si inserisce in una politica regionale che ha sempre visto la famiglia al centro della propria azione. L’obiettivo è di proseguire nel sostegno ai costi affrontati dalle famiglie per la partecipazione dei bambini e dei ragazzi a importanti momenti di socializzazione e formazione, nel contempo agevolando la possibilità per i genitori di conciliare i tempi per l’attività lavorativa con quelli di cura per i propri figli. Ciò vale ancora di più in un periodo dell’anno in cui la sospensione delle attività didattiche comporta un aumento degli impegni familiari".

"L’utilizzo innovativo fatto in questi anni del Fondo Sociale Europeo - conclude Agabiti – ha consentito di tracciare un percorso per certo versi nuovo di sostegno alle famiglie attraverso misure che si sono rivelate

particolarmente efficaci sotto il profilo sociale. Mai in passato le risorse europee erano state destinate ad azioni mirate di aiuto concreto alle persone e alle famiglie".