Made in Sipario
Made in Sipario

Una fucina speciale dove nascono bellissimi prodotti fatti a mano. Made in Sipario onlus nasce nel 2011 come Cooperativa Sociale di tipo “B”, i cui soci lavoratori sono ragazze e ragazzi con disabilità intellettiva o in situazione di fragilità. «La Cooperativa sociale di tipo “B” - spiega Stefania Piccini presidente di Made in Sipario - è per noi strumento privilegiato e specialistico per l’inserimento lavorativo di persone disabili e soggetto in grado di svolgere un’adeguata formazione professionale sul campo, per una piena integrazione sociale attraverso il lavoro. Perché per noi è importante subordinare il nostro fare ed essere impresa a una finalità solidaristica e non lucrativa».


Sono tre i valori principali a cui Made in Sipario Onlus fa riferimento nell’agire quotidiano: centralità della persona, lavoro come strumento di inclusione sociale e cooperazione. «Mettere al centro la persona – prosegue Stefania Piccini - significa riconoscerne il valore assoluto e dar valore alle qualità uniche di ognuno, che abbia o meno una disabilità o svantaggio. Indentificare il lavoro come strumento di inclusione sociale significa concepirlo come strumento irrinunciabile per favorire la crescita personale e raggiungere l’autonomia: il lavoro è un diritto fondamentale della persona e, se sostenuto, porta al superamento dell’emarginazione e dell’esclusione sociale. Infine cooperare, lavorare insieme per raggiungere il Bene Comune, come cittadini attivi, solidali, partecipi e co-responsabili nella costruzione di un mondo migliore».

Nel laboratorio si lavora lasciando emergere le qualità laterali dei ragazzi: la formazione di un “artista speciale” parte dalla pratica e da un approccio libero, seppur “accompagnato”, al compito. Gli Artisti Speciali provengono dai corsi di avvicinamento all’Arte dell’Associazione Sipario: il percorso lavorativo è un’evoluzione offerta a coloro che durante i corsi si dimostrano desiderosi di imparare e mettersi alla prova: «perché sono proprio le sfide che consentono ai ragazzi di crescere – spiega Piccini -, ognuno con i propri tempi; a differenza dal corso d’arte, quando sono inseriti al lavoro in Cooperativa viene richiesto loro il rispetto di maggiori responsabilità, di orari di lavoro e compiti da svolgere».

Il rispetto dei tempi di crescita di ogni ragazzo è uno dei punti centrali della Cooperativa che in questi primi anni di attività ha già potuto vedere grandi miglioramenti nei suoi Artisti, sia da un punto di vista artistico che relazionale. Maria Stefania de Ninno, animatrice d’arte, da sempre segue gli artisti di

Made in Sipario Onlus e li accompagna alla scoperta della loro gestualità: gesti semplici, naturali e talvolta inaspettatamente giocosi che aprono ad una progressiva presa di coscienza di sé e delle proprie abilità che dà risultati sorprendenti e allo stesso tempo professionalizzanti.

«La Cooperativa lotta ogni giorno per coordinare le esigenze dei lavoratori con le leggi del mercato – conclude Stefania Piccini -, offrendo prodotti che abbiano un valore oggettivo (di bellezza e utilità) in aggiunta a quello sociale e, da sempre, ha di fronte una grande sfida da vincere: arrivare all’autosostenibilità economica necessaria per poter offrire questa nostra opportunità di lavoro e di crescita professionalizzante in modo continuativo e a un numero sempre maggiore di ragazzi e così poter assumere gli Artisti Speciali che adesso sono in inserimento socio terapeutico».

Info: www.madeinsipario.com; pagina FB Made in Sipario