Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
17 mag 2022

Sulle orme di Ceravolo Il Pisa cerca nuovi eroi

I bomber più prolifici della storia dei playoff fra aspettative e storie inattese. Varela, Mannini e Marconi 4 reti negli spareggi. E poi c’è il pallonetto di Ciotola

17 mag 2022
michele bufalino
Economia
Lorenzo Lucca, 21 anni, non segna su azione dal 26 settembre ma è fra i più attesi
Lorenzo Lucca, 21 anni, non segna su azione dal 26 settembre ma è fra i più attesi
Lorenzo Lucca, 21 anni, non segna su azione dal 26 settembre ma è fra i più attesi
Lorenzo Lucca, 21 anni, non segna su azione dal 26 settembre ma è fra i più attesi
Lorenzo Lucca, 21 anni, non segna su azione dal 26 settembre ma è fra i più attesi
Lorenzo Lucca, 21 anni, non segna su azione dal 26 settembre ma è fra i più attesi

di Michele Bufalino

Chi sarà il prossimo eroe dei playoff? In ogni grande lotta promozione del Pisa, c’è sempre stato almeno un calciatore al posto giusto e al momento giusto, pronto per dare il via alla festa nerazzurra. È stato così soprattutto nel 2007, 2016 e 2019, quando i nerazzurri sono tornati in Serie B dopo anni di purgatorio dalla Serie C, in tante partecipazioni agli spareggi per il campionato cadetto. Diverso invece il caso dei playoff di Serie B, affrontati in una sola occasione, nel 20072008, con un’eliminazione in semifinale contro il Lecce. Se si uniscono però tutti i marcatori della formazione nerazzurra in questi speciali spareggi, viene fuori una classifica che restituisce alcuni nomi importantissimi e alcune curiosità legati alla recente storia pisana.

A dominare la classifica del maggior numero di reti sono ben 3 calciatori, tutti a quota 4 reti segnate. Si tratta dei mattatori degli spareggi 2016 e 2019. Il primo è Lores Varela, grazie soprattutto alla tripletta segnata al Pordenone in semifinale e alla rete messa a segno nella finale d’andata con il Foggia. Poi c’è Daniele Mannini, con i gol segnati non solo nei playoff del 2016, ma anche in quello del 2018 che vide i nerazzurri eliminati dalla Viterbese. Quindi c’è Michele Marconi, grazie alle sue 4 reti, compresa quella messa a segno a Trieste, con cui portò i nerazzurri in Serie B nel 2019. Scendendo più giù in classifica si può trovare, a quota tre reti segnate, Fabio Ceravolo. L’attaccante non era quasi mai stato considerato da Braglia nel corso della seconda parte della stagione, ma esplose proprio negli spareggi contro Venezia e Monza, dando il via alle danze, su assist di Biancone, per la rete che portò in vantaggio i nerazzurri contro i brianzoli, prima che Ciotola chiudesse i conti con la sua pesantissima rete negli ultimi secondi dei supplementari.

A quota 2 invece ci sono ben 6 giocatori. Il primo è Max Varricchio, a cavallo tra i playoff del 2000 e del 2003, entrambi tragicamente persi contro Brescello e Albinoleffe, poi c’è Alessandro Ambrosi, anch’egli andato a segno in finale contro l’Albinoleffe nel 2003. Salendo si può trovare Leonardo Davide Gatto, la cui corsa si interruppe nel 2013 a Latina, per poi arrivare a Gaetano Masucci, Davide Moscardelli e Robert Gucher, tutti a segno nella splendida cavalcata playoff che riportò i nerazzurri in Serie B nel 2019. Impossibile dimenticare il gol e a Foggia di Umberto Eusepi nel 2016, nei minuti di recupero.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?