Whirlpool, la fusione diventa realtà. Arriva Arçelik, è il debutto ufficiale

Oggi la società turca sarà in viale Toselli per incontrare la Rsu e verificare l’andamento della fabbrica

Whirlpool, la fusione diventa realtà. Arriva Arçelik, è il debutto ufficiale

Il marchio Beko ha già fatto il suo ingresso nel sito di viale Toselli

Il cambio dell’insegna è solo questione di tempo, ma oggi è il ’One Day’, ovvero il debutto ufficiale della nuova proprietà nello stabilimento di viale Toselli. Dopo il via libera dell’Antitrust del Regno Unito, diventa infatti operativa la fusione tra Whirlpool e Arçelik. La giornata dovrebbe aprirsi con una sorta di inaugurazione interna che vedrà protagonisti i rappresentanti della società turca, le Rsu e i dipendenti. Pare che nei giorni scorsi la nuova proprietà abbia provveduto a fare l’inventario dei beni presenti in fabbrica, mentre a breve procederà a verificare l’andamento e l’organizzazione interna dei vari stabilimenti italiani, a cominciare dalla Lombardia. Ma i sindacati non abbassano la guardia. Daniela Miniero, segretaria Fiom Cgil, spiega: "Attendiamo a breve la comunicazione preventiva dei giorni di cassa integrazione per aprile. Dagli attuali dieci giorni di stop mensile, speriamo si arrivi a 7-8. Resta ferma la richiesta di incontro al ministero per capire se Arçelik intende presentare un piano di reindustrializzazione con salvaguardia dei livelli occupazionali o se invece punta a tagliare i rami in difficoltà". E ancora: "C’è anche da approfondire se i turchi vorranno portare ulteriori volumi a Siena o precedere alla riconversione delle professionalità a nuove lavorazioni. Del resto quello in viale Toselli è il sito con maggiori criticità per il calo della produzione, la mancanza di investimenti e di nuove assunzioni".

Giuseppe Cesarano, leader di Fim Cisl, guarda all’immediato futuro: "Il coordinamento nazionale ha sollecitato il tavolo al Mimit in modo da avere la convocazione delle parti entro maggio. E’ fondamentale capire se Arçelik presenterà un piano di rilancio. Come sindacati, stiamo scrivendo un documento con le priorità dello stabilimento di Siena". Il segretario della Uilm Massimo Martini annuncia: "La nuova proprietà si prenderà i prossimi mesi per osservare l’andamento della fabbrica e capirne le necessità. Siena è in difficoltà perché non ci sono state spinte in termini di vendite, per questo la cassa integrazione continuerà". E infine: "C’è da capire se Arçelik punterà ancora sui congelatori orizzontali o se svilupperà altri prodotti – è la conclusione –. In ogni caso, ci aspettiamo investimenti concreti".