Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
25 mag 2022

"Vaiolo? Non c’è nessuna pandemia. Ma ecco i sintomi ai quali fare attenzione"

Danilo Tacconi, direttore Malattie Infettive del San Donato: "È un virus infettivo che conosciamo da 40 anni, per contagiosità è diverso dal Sars-Cov2"

25 mag 2022
featured image
Ecco quali sono i sintomi del vaiolo
featured image
Ecco quali sono i sintomi del vaiolo

Siena, 25 maggio 2022 - "È una malattia diversa nella contagiosità rispetto al Sar-Cov2: non c’è trasmissione aerea a lunga distanza ed ad oggi ci sono stati un centinaio di casi al mondo, partiti da piccoli focolai. Dunque non siamo di fronte a una nuova pandemia". Un messaggio chiaro indirizzato a smorzare qualsiasi allarmismo dal dottor Danilo Tacconi, direttore Malattie infettive del San Donato, ospedale dell’Asl Sud Est di Arezzo, dove è stato individuato il primo caso di vaiolo delle scimmie in un 32enne di ritorno da una vacanza alle Canarie. Cos’è il vaiolo delle scimmie? Un virus, dunque infettivo, ma diverso dal vaiolo umano; colpisce mammiferi, ma può arrivare anche all’uomo col salto di specie. Come è successo con l’aviaria che interessa principalmente volatili. Un virus che conosciamo da quarant’anni, che ha avuto un percorso endemico in Africa e casi sporadici fuori da quel continente. Oggi risulta esportato, con piccoli focolai in alcuni Paesi, come appunto in Spagna e alle Canarie. Come si trasmette? Il contagio è per contatto diretto, ovvero toccando una persona o indossandone gli abiti contaminati o per rapporti sessuali. La trasmissione può avvenire però anche con particelle, goccioline salivari, per via aerea insomma, ma solo stando molto vicini al portatore, massimo ad un metro e mezzo di distanza. A differenza di altre forme virali infettive qui è necessaria una vicinanza stretta. Come si manifesta? I sintomi iniziali, nei primi 23 giorni sono simil influenzali, quindi cefalea, mialgia, febbre; poi compaiono lesioni cutanee, con vescicole, pustole, su tutto il corpo, dal tronco, agli arti, anche al volto e anche ai genitali. Sono segni e sintomi simili a quelli di una varicella. Questo non vuol dire che se si ravvisano alcuni sintomi siamo in presenza del vaiolo, che in Italia è malattia importata, ovvero riconducibile solo ad ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?