umbricio corbi

La Fondazione Franchi lancia il videogioco 'Umbricii Ludus', che racconta la vita di Umbricio Corbi, vasaio ceramista vissuto nel 49 a.C. Il gioco si basa sull'archeologia e sarà presentato il 9 febbraio a Roma. Si prevede la creazione di un museo a Torrita di Siena e di contenuti multimediali per far vivere ai visitatori l'utilizzo di reperti archeologici.

umbricio corbi
umbricio corbi

La Fondazione Franchi, realtà nata a Firenze e attiva nel settore digitale, lancia un videogioco che parla latino: ‘Umbricii Ludus’, racconta la vita di Umbricio Corbi, vasaio ceramista realmente vissuto ed attivo tra il 49 a.C. e il 29 a.C. nel territorio della Val d’Orcia come protagonista di un videogioco che fonda le radici nell’archeologia. Il personaggio ha la voce di uno studente dei licei Poliziani. L’iniziativa è partita proprio dalla scuola e dal preside Marco Mosconi, con la professoressa Sonia Casini. Trovando la collaborazione tecnica con la Fondazione Franchi e la 3D Academy di Pisa.

I contenuti, spiega una nota, trovano ambientazione lungo il tracciato della vecchia via Cassia Adrianea e si concentrano nella zona di Torrita di Siena dove esisteva la Statio Manliana, una stazione di posta dove i viandanti si potevano riposare.

Il videogame sarà presentato il 9 febbraio a Roma, in occasione del convegno ‘Il latino, nuova vita sui nuovi media’. "Il piano - spiega Giulio Luzzi, vicepresidente della Fondazione Franchi - prevede sia la creazione di un museo a Torrita di Siena che la creazione di contenuti multimediali fruibili dalle sale del museo, che hanno lo scopo di far ‘vivere e provare’ ai visitatori, l’utilizzo e la creazione di alcuni reperti archeologici"