Siena “ritrova” Fonte Gaia: inaugurata dopo i restauri

Nicoletta Fabio: “Ci viene restituito, grazie ad un prezioso lavoro di tanti professionisti, quello che è uno dei simboli più iconici della nostra città”

Fonte Gaia a Siena

Fonte Gaia a Siena

Siena, 27 febbraio 2024 – Il marmo di Fonte Gaia è tornato a riflettere la luce in Piazza del Campo, ad abbagliare negli occhi cittadini e turisti. È in una sala gremita di cittadini e rappresentanti delle istituzioni che è stata riconsegnata alla città, restaurata dopo mesi di manutenzione, la sua più famosa Fonte, finalmente di nuovo allo scoperto. «E’ un momento importante e bello per tutta la città, perché ci viene restituito, grazie ad un prezioso lavoro di tanti professionisti, quello che è uno dei simboli più iconici della nostra città – ha commentato il sindaco di Siena Nicoletta Fabio – Fonte Gaia viene ora ridata a cittadini e visitatori in tutta la sua bellezza». Il restauro arricchisce la storia stessa del monumento ad opera di Tito Sarrocchi, che sostituì nel 1869 l’originale fonte realizzata da Jacopo della Quercia nei primi anni del Quindicesimo secolo. Si decise così di realizzare la fonte in marmo di Carrara, e a finanziare la nuova opera fu il Comune insieme alla cittadinanza. «Volevamo farlo nel miglior modo possibile e nel minor tempo possibile, abbiamo avuto tanto interesse e affetto di cittadini e associazioni che non volevano vedere solo l’opera finita, ma proprio il cantiere - Giannetto Marchettini, presidente Scuola Edile di Siena -. La Fonte evidentemente è nel cuore della gente, e c’era voglia di avere rassicurazione che tutto stesse andando bene». In questi mesi, infatti, sono state organizzate molte visite guidate al cantiere di Fonte Gaia durante i lavori di restauro. «Dobbiamo continuare in questo percorso. Il territorio senese è molto bello e importante ma ha bisogno di manutenzione, e per manutenere immobili e monumenti abbiamo bisogno di tanta qualificazione, l’impegno della scuola è formare nuove maestranze e competenze – ha dichiarato Marchettini -. Abbiamo in mente un progetto che sarà presentato in questi giorni con la partecipazione al bando, mi auguro che da qui ad un anno avremo attenzionato e fatto manutenzione su un altro piccolo pezzo di territorio. Si tratta di una fonte cittadina, non sarà un intervento di ripulitura, ma più che altro un intervento di muratura».

La consegna della Fonte restaurata dalla Scuola Edile di Siena al sindaco Fabio è stata fatta con simil atto a quello del 1868, ricollegandosi alla tradizione. «Con Marchettini abbiamo un rapporto collaborativo che auspico possa consolidarsi, perché la Scuola Edile è una delle risorse del nostro territorio – ha detto Fabio -. Ben vengano future collaborazioni, perché il primo dovere di una città così bella è quello di conservare nel migliore dei modi il proprio patrimonio, se possibile arricchirlo, ma soprattutto renderlo pienamente fruibile e ammirabile». Il restauro è stato realizzato grazie al contributo della Fondazione Monte dei Paschi di Siena, il Comune, e numerosi altri sponsor. «L’intervento è il risultato di un bando, Let’s Art!, che si ripete da tre anni, con la partecipazione di oltre cinquanta soggetti – ha spiegato il presidente della Fondazione Monte dei Paschi di Siena Carlo Rossi -. Si tratta di un importante recupero a cura della Scuola Edile, per un’opera particolarmente amata dalla collettività. Il bando si conferma capace di fare leva sullo sviluppo di nuove competenze per valorizzare il nostro patrimonio artistico culturale»