di Orlando Pacchiani Le sue due incursioni a Siena nella campagna elettorale comunale del 2018 fecero rumore. Piazza Indipendenza e, in tempo di ballottaggio, piazza Salimbeni entrambe piene, per quella che fu una spinta determinante (non l’unica, ma fondamentale) per il successo al fotofinish di De Mossi. Ora Matteo Salvini ci riprova in vista delle regionali del 20 e 21 settembre. Ha promesso di essere frequente ospite in Toscana delle iniziativa della candidata governatrice Susanna Ceccardi e oggi toccherà alla...

di Orlando Pacchiani

Le sue due incursioni a Siena nella campagna elettorale comunale del 2018 fecero rumore. Piazza Indipendenza e, in tempo di ballottaggio, piazza Salimbeni entrambe piene, per quella che fu una spinta determinante (non l’unica, ma fondamentale) per il successo al fotofinish di De Mossi. Ora Matteo Salvini ci riprova in vista delle regionali del 20 e 21 settembre. Ha promesso di essere frequente ospite in Toscana delle iniziativa della candidata governatrice Susanna Ceccardi e oggi toccherà alla provincia di Siena.

Nessuna iniziativa di piazza, in quella che è pur sempre una fase di lancio della campagna elettorale e soprattutto in pieno clima estivo, ma due appuntamenti mirati. Nel capoluogo la coppia Salvini-Ceccardi visiterà alle 16 la sede di Toscana Life Sciences, dove porterà il proprio saluto il sindaco Luigi De Mossi. Prevedibile un ingresso contingentato nella sede di Tls, per motivi di distanziamento, al punto che l’incontro con la stampa è stato previsto all’uscita dello stabile. Il tema delle scienze della vita e dello stretto rapporto istituzionale-finanziario tra enti locali e Regione è di cruciale importanza per la tenuta anche occupazionale della città. E il sindaco ribadirà la richiesta di attenzione massima per questa realtà in caso di vittoria del centrodestra. Prima del passaggio nel capoluogo, Salvini e Ceccardi saranno a Chianciano Terme.

Alle 13.15, al Fortuna resort, in programma un pranzo con imprenditori e a seguire, alle 14, l’incontro con albergatori e operatori del settore termale. A fare gli onori di casa il sindaco Andrea Marchetti, che sintetizza così i temi al centro dell’evento. "Negli ultimi anni il settore termale a livello nazionale è stato trascurato – dice Marchetti – mentre ha bisogno intanto di un doppio canale di attenzione: il rilancio del rapporto con il servizio sanitario, in tempi in cui si parla dell’importanza della prevenzione, una seria politica di investimenti sulle terme come turismo di destinazione. Noi siamo impegnati a fare promozione, ma un Comune da solo può fare poco".

E poi c’è un grande tema urbanistico, legato al cambio di pelle della città: "Servono leggi nazionali – afferma Marchetti – che consentano la rigenerazione dei volumi abbandonati, quello che definisco un Piano Marshall di riqualificazione urbana. Qui parliamo di oltre cento alberghi abbandonati per decine di migliaia di metri cubi. Ci devono aiutare la Regione e gli organismi nazionali come Invitalia e Cassa depositi e prestiti". Argomenti che saranno consegnati a Salvini per il livello nazionale e Ceccardi per la sfida elettorale ai nastri di partenza.