Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
7 apr 2021

Record di ricoveri al Policlinico "La situazione migliorerà a maggio"

I degenti nell’area Covid a quota 145, 22 in Terapia intensiva. Il professor Frediani: "Tutti i giorni aumentano"

7 apr 2021
paola tomassoni
Cronaca
featured image
Immagine di repertorio
featured image
Immagine di repertorio

di Paola Tomassoni Record di ricoveri ieri in area Covid al policlinico Le Scotte: sono 145 i pazienti presenti nella bolla che include oltre al reparto Covid anche i posti letto di Malattie infettive e quelli in Medicina interna. E dei 145 ricoverati 22 sono in terapia intensiva e 45 in media intensità, dunque circa la metà sono in condizioni gravi o comunque necessitano di assistenza meccanica respiratoria. Nelle ultime ventiquattr’ore ci sono stati ben 11 ingressi e nessuna dimissione: di questo passo potrebbero esaurirsi nel giro di un paio di giorni, o poco più, i 160 posti letto a disposizione, che costituiscono la capacità massima ricettiva dell’ospedale senese. "Non so se siamo al picco perché i pazienti continuano ad aumentare; in questo weekend ne sono entrati addirittura 37. Abbiamo disponibilità fino a 160 posti letto, quasi 150 dei quali oggi sono occupati": a spiegare la situazione attuale alle Scotte è il professor Bruno Frediani, responsabile area medico-chirurgica Covid. "Secondo me l’andamento è quello dell’anno scorso. Andremo a migliorare solo a maggio", dice ancora il professor Frediani, che più volte ha indicato un ritardo di circa 15 giorni fra il trend del contagio sul territorio e gli effetti sull’ospedale: dunque solo quando la diffusione del virus e il numero dei casi calerà, si avrà a distanza di qualche settimana l’analogo calo dei ricoveri. Anche la casistica dei ricoveri è la stessa dei mesi scorsi: "Le difficoltà respiratorie sono le più importanti – conferma il dottor Frediani -: tutti i pazienti fanno l’ossigeno, poi ci sono i cardiopatici e i diabetici, più suscettibili ad ammalarsi in forme gravi al contatto col virus". "I pazienti – continua il responsabile dell’area di media intensità Covid - sono quasi tutti oltre i 50 anni, tranne quattro o cinque che hanno fra 20 e 40 anni. La ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?