Paura a Sinalunga. Anziano si asserraglia sul tetto di casa. Salvato dai carabinieri

E’ successo nel primo pomeriggio di ieri, poco dopo le 15, alla Pieve. Mentre un militare a terra lo distraeva cercando di convincerlo a scendere. un altro saliva con la scala bloccandolo e mettendolo in sicurezza. .

Paura a Sinalunga. Anziano si asserraglia sul tetto di casa. Salvato dai carabinieri

Provvidenziale l’intervento. dei carabinieri ieri a Sinalunga (foto d’archivio)

di Laura Valdesi

SIENA

"Se salite mi butto". Frase che ha gelato il sangue ai due carabinieri arrivati a Sinalunga, in una via della Pieve vicino alla chiesa, perché era stato segnalato un uomo asserragliato sul tetto della sua abitazione. In pericolo. Non erano chiare le sue intenzioni. Ma gli uomini dell’Arma, preparati ad affrontare ogni emergenza facendo parte del Radiomobile della compagnia di Montepulciano, non si sono persi d’animo. E sono riusciti, con la collaborazione dei colleghi della stazione di Sinalunga, a portare in salvo l’anziano, affidandolo alle cure dei sanitari del 118.

L’uomo, un’ottantina di anni, vive da solo nell’abitazione che è stata teatro di un salvaggio da film e a dir poco rocambolesco. L’allarme arriva intorno alle 15 perché il pensionato è in cima al tetto della casa che si trova alla Pieve. E’ agitatissimo, non sta fermo un attimo. Appare in stato confusionale. Potrebbe scivolare e cadere anche se la casa, essendo ad un piano, è alta al massimo quattro metri.

Qui entrano in scena i carabinieri, primi ad arrivare sul posto. Bisognava riportarlo a terra e metterlo in sicurezza. Ma quando i due militari hanno tentato di salire usando una scala l’anziano ha minacciato di buttarsi di sotto. Occorreva allora trovare un altro modo per raggiungerlo. Così uno degli uomini è rimasto di sotto iniziando a parlare con l’anziano per cercare di distrarlo, oltre che di calmarlo, tenendolo occupato. Cercando di convincerlo a scendere. Inutilmente. Sembrava che ce l’avesse con il mondo. Quasi che il suo fosse una sorta di gesto di protesta. Quasi una richiesta di ascolto.

Una manovra diversiva, quella del carabiniere a terra, per distogliere l’attenzione del pensionato dai movimenti dell’altro militare che si stava avvicinando. Nel frattempo infatti, muovendosi rapidamente, aveva preso la scala salendo con fare felpato per non creare sospetti. E giunto in cima, mentre l’uomo era distratto, l’ha bloccato. Al contempo l’altro carabiniere raggiungeva il collega per dargli supporto.

Intanto sul posto erano arrivati anche i vigili del fuoco del distaccamento di Montepulciano, l’ambulanza con i sanitari del 118. E la notizia aveva cominciato a diffondersi a Sinalunga per via di quel dispiegamento di forze in una zona centrale della Pieve. Messo in sicurezza il pensionato, in modo che non facesse gesti inconsulti, c’era però da farlo scendere. Così è stata utilizzata una sorta di carrucola di fortuna con cui il pensionato ha toccato terra venendo subito affidato ai sanitari. Sospiro di sollievo per tutti mentre l’ambulanza trasportava l’anziano, in evidente stato di difficoltà, per un controllo all’ospedale.