Installazione fotografica per dire "no" alla violenza

L’opera dell’artista . Erika Rubino verrà ospitata. dal 17 al 20 febbraio. nella Sala Set del Politeama

Migration

L’artista poggibonsese Erika Rubino, autrice della mostra fotografica

Si può dire no alla violenza, in tutti i campi, anche attraverso un’installazione fotografica. Un argomento che riguarda ogni persona e che trova adesso una serie di spunti a caratteri forti nel progetto denominato ’Lo strappo’.

Ha origine dalla mente di Costanza Mascilli Migliorini, presidente di Aps Echoes, e dalle mani dell’artista poggibonsese Erika Rubino. Racconta le fasi e i processi dell’impatto che la violenza può avere su una persona. In questo caso partendo dalla storia di una bambina, L’iniziativa sarà ospitata a Poggibonsi dal 17 al 20 febbraio nella Sala Set del Teatro Politeama.

"Le foto - spiega Erika Rubino - sono una rappresentazione metaforica dell’evento, una testimonianza di un fatto realmente accaduto. L’obiettivo è sensibilizzare e avvicinare lo spettatore, più persone possibili, tutte le età e di tutti i generi, al vissuto emotivo, senza focalizzarsi sull’aspetto di denuncia o retorica. Alle foto saranno affiancate alcune frasi evocative estratte dalla poesia Lo Strappo, che dà appunto il nome alla mostra fotografica interattiva, decisa a proporre al pubblico un’esperienza visiva, uditiva e tattile".

Nata a Poggibonsi, Erika Rubino fa foto da sempre, prediligendo scatti di strada e di viaggio ed esprimendo la sua creatività anche in progetti di valore sociale, oltre che in ambito musicale, cinematografico, teatrale.

Pa.Bart.