Ex Cantine Ricasoli. Bando di 700mila euro

Il comune ha preso parte alla ‘gara’ statale in modo da poter accedere agli ingenti finanziamenti.

Ex Cantine Ricasoli. Bando di 700mila euro

Michele Pescini è il primo cittadino del comune di Gaiole in Chianti

di Andrea Ciappi

Le Ex Cantine Ricasoli, a due passi dal centro storico di Gaiole, sono sempre di più icona dell’identità culturale non solo del paese, ma dell’intero Chianti Storico: tanto da ospitare il museo che sin dal ‘titolo’ si rifà alle origini di questa particolare terra.

Per poter effettuare la loro riqualificazione ed anche riuso di una parte dell’immobile - è complesso di vasta consistenza e appunto si fa riferimento ad una parte - il Comune ha preso parte al bando statale per poter accedere a finanziamenti per 700mila euro.

Bando riservato ai piccoli comuni. Il progetto che riguarda le Ex Ricasoli vale circa 1,5 milioni di euro. Si capisce subito che questo si va prefigurando come il polo culturale e potremmo anche dire sociale di tutta questa parte di Chianti. Poi, è chiaro, ha questa stessa funzione anche per il turismo che è tornato qui.

Ma la funzione di aggregatore locale è sempre in prima linea e sul tasto dell’identità ha sempre battuto il sindaco, Michele Pescini. Come funziona il bando? Nella relazione della giunta Pescini medesima si spiega questo: "Ogni piccolo comune può presentare un solo progetto". L’oggetto attiene ad "interventi finalizzati alla tutela dell’ambiente, del patrimonio culturale e del paesaggio, alla mitigazione del rischio idrogeologico, alla salvaguardia e riqualificazione urbana dei centri storici, alla messa in sicurezza delle infrastrutture stradali e degli istituti scolastici, alla promozione dello sviluppo economico e sociale e l’insediamento di nuove attività produttive, nonché interventi finalizzati alla ristrutturazione dei percorsi viari di particolare valore storico e culturale destinati ad accogliere flussi turistici che utilizzino modalità di trasporto a basso impatto ambientale".

La riqualificazione delle Ex Ricasoli ‘copre’ diversi di questi capitoli, se vogliamo. Ad oggi sappiamo che Gaiole ha per così dire le carte in regola per partecipare alla ‘gara‘. Per questo vi prenderà parte con la speranza, anzi la possobilità concrete di ottenere un così importante finanziamento per tutto il territorio