SIENA Con la riapertura della scuola, lunedì, entrano in vigore gli orari invernali dei servizi di trasporto scolastici urbani ed extraurbani. A fianco dei servizi ordinari saranno previsti dei potenziamenti, a seconda delle zone, calibrati in base al fabbisogno di mezzi necessari per rispettare la capienza massima di bordo, ad oggi fissata all’80%. "Con il 14 settembre inizia una nuova fase, con...

SIENA

Con la riapertura della scuola, lunedì, entrano in vigore gli orari invernali dei servizi di trasporto scolastici urbani ed extraurbani. A fianco dei servizi ordinari saranno previsti dei potenziamenti, a seconda delle zone, calibrati in base al fabbisogno di mezzi necessari per rispettare la capienza massima di bordo, ad oggi fissata all’80%. "Con il 14 settembre inizia una nuova fase, con numeri e organizzazione profondamente diversi rispetto al passato – sottolinea Massimiliano Dindalini, presidente di Tiemme –. Il nostro monitoraggio sarà ancora più capillare e costante, pronti a raccogliere le segnalazioni che arriveranno dai territori ed introdurre quei correttivi che si renderanno via via necessari. Capiteranno situazioni in cui l’autobus arriverà ad una determinata fermata avendo già raggiunto la capienza massima trasportabile: per questo abbiamo previsto il potenziamento di determinate tratte con corsa bis al seguito della principale. Stando ai numeri di passeggeri su cui possiamo ragionare ad oggi, abbiamo reperito sul territorio i 39 mezzi aggiuntivi necessari per farlo, ad oggi sono 16 per l’area di Siena, 10 per Grosseto, 8 per Arezzo e 5 per Piombino). Questi numeri, ovviamente, potranno cambiare in seguito all’aggiornamento delle esigenze che potranno evidenziarsi in seguito ai primi giorni di scuola e agli effettivi numeri degli studenti presenti a bordo". A partire da oggi saranno consultabili online sul sito di Tiemme i nuovi orari dei servizi scolastici, sia gli orari dei servizi ordinari che di quelli straordinari, ovvero i servizi di potenziamento e corse bis che saranno attivati dall’azienda per sopperire al maggior numero di autobus necessari per rispettare la normativa nazionale. I bus potranno dunque trasportare fino all’80% dei posti previsti dalla carta di circolazione: ad esempio nella maggior parte dei mezzi extraurbani si potranno occupare tutti i posti a sedere con esclusione di quelli prospicenti l’autista. Obbligatorio indossare la mascherina a bordo.