Carabinieri
Carabinieri

 

Arcola, 7 aprile 2021 – Ricariche postepay e regali, anche in denaro, per 45mila euro. I risparmi di una vita. È quanto è riuscita a farsi donare una trentenne rumena, che si è approfittata della buona fede di un 83enne residente ad Arcola, svuotandogli, nel giro di pochi mesi, il conto in banca.

Su questa vicenda sono scattate le indagini dei carabinieri di Arcola che hanno portato a denunciare una donna per il reato di circonvenzione di persone incapaci.

Lei, che nel frattempo si è trasferita nella provincia di Piacenza, ha approfittato dell’età della sua vittima ed abusato dei bisogni e passioni dell’anziano, offrendogli prestazioni anche di natura sessuale, per convincerlo alle 'donazioni'.

I militari di Arcola, indagando sulla grave situazione, hanno smascherato le reali e meschine intenzioni della giovane donna, segnalata all’autorità giudiziaria che ha emesso nei suoi confronti la misura cautelare dell'obbligo di dimora.

I carabinieri, ieri mattina, l’hanno rintracciata nel Piacentino e, alla vista dei militari, ha tentato una rocambolesca fuga: si è letteralmente calata giù dal balcone del suo appartamento al primo piano di una palazzina, ma è stata comunque bloccata e ricondotta nell’abitazione dove le è stato notificato il provvedimento emesso dal gip del Tribunale della Spezia.

È inoltre scattata una perquisizione domiciliare e qui sono stati ritrovati telefoni intestati proprio all’anziana vittima, varie carte di credito, postepay ed anche parecchi gioielli e ricevute relative alla vendita di preziosi nei noti negozi 'Compro oro'.

Gli oggetti sono stati tutti sequestrati e sottoposti all’attenzione degli inquirenti poiché potrebbero risultare utili per accertare se la condotta della donna è riconducibile anche ad altre analoghe situazioni, insomma se altri anziani sono caduti nella sua rete.