Un’operazione che ha interessato l’intera Val di Magra quello messo in atto giovedì pomeriggio dai carabinieri della compagnia di Sarzana, coordinato dal comandante, il capitano Luca Panfilo, iniziata attorno alle 17 e finita dopo la mezzanotte. Sono state impiegate 9 pattuglie e 18 carabinieri delle varie stazioni dislocate nell’ambito della compagnia e delle aliquote operative e radiomoble della compagnia di Sarzana. E’ scattata una...

Un’operazione che ha interessato l’intera Val di Magra quello messo in atto giovedì pomeriggio dai carabinieri della compagnia di Sarzana, coordinato dal comandante, il capitano Luca Panfilo, iniziata attorno alle 17 e finita dopo la mezzanotte. Sono state impiegate 9 pattuglie e 18 carabinieri delle varie stazioni dislocate nell’ambito della compagnia e delle aliquote operative e radiomoble della compagnia di Sarzana. E’ scattata una sanzione amministrativa ad un bar, sono stati sciolti assembramenti ed effettuate 7 contravvenzioni per violazioni alle norme del codice della strada, controllate numerose persone, su alcune delle quali sono in corso ulteriori accertamenti. Vigilanza dei militari anche per il rispetto delle norme anticovid per prevenire la diffusione dei contagi, con particolare attenzione all’uso delle mascherine del distanziamento sociale e dei movimenti al fuori dei comuni di residenza. Nel corso dell’intervento sono state fermate e controllate 39 auto e 67 persone, 15 delle quali stranieri. Controllati anche 5 bar, di cui uno sanzionato. L’obiettivo del servizio coordinato era quello di prevenire e contrastare il fenomeno dei furti nelle abitazioni e a danno degli esercizi commerciali, di conseguenza i militari hanno perlustrato e controllato una vasta area che va da Calice al Cornoviglio a Luni, con particolare attenzione alle località decentrate del territorio e alle abitazioni più isolate. Non si è trattato di un intervento fine a se stesso quello dell’altro pomeriggio, visto che analoghi servizi preventivi e di contrasto ai furti saranno ripetuti anche nelle prossime settimane con l’approssimarsi del periodo delle festività natalizie e di fine anno. A dicembre infatti statisticamente viene registrato un incremento dei reati contro il patrimonio ed in particolare furti nelle case e negli esercizi commerciali. Inoltre per prevenire un altro tipo odioso di reati vale a dire le truffe ai danni delle fasce più deboli della popolazione, anche queste tipiche del periodo, i carabinieri raccomandano di segnalare ogni movimento di veicoli e individui sospetti che senza alcun scrupolo non hanno remora di colpire soprattutto nei confronti delle persone più anziane.