BOBST FIRENZE APRE LE PORTE AI SUOI DIPENDENTI, AMICI E FAMILIARI PER IL FAMILY DAY

Matteo Cardinotti, CEO di Bobst Firenze, con Daniele Matteini, Assessore al Comune di Campi Bisenzio - Sabato 29 giugno 2024

Matteo Cardinotti, CEO di Bobst Firenze, con Daniele Matteini, Assessore al Comune di Campi Bisenzio - Sabato 29 giugno 2024

Una festa per celebrare l’azienda ed il capitale umano che la compone, motore trainante del successo. E’ con queste premesse che BOBST, azienda leader nella produzione di macchinari da stampa per etichette – flessografiche e digitali - in linea a banda stretta e media, ha organizzato il Family Day. Un’occasione per aprire le porte ai 200 dipendenti e alle loro famiglie (per un totale di 350 persone), per far vivere da vicino questa realtà con sede a Campi Bisenzio ma dal respiro internazionale. BOBST, con il suo quartier generale in Svizzera, ha scelto nel 2015 di avviare una filiale anche in provincia di Firenze e oggi, dopo nove anni, questa decisione si è rivelata più azzeccata che mai.

“Siamo davvero felici di aprire le porte ai nostri dipendenti, che con la loro professionalità ci hanno permesso di raggiungere determinati traguardi” – afferma Matteo Cardinotti, CEO di Bobst Firenze – “Per il Gruppo la sede di Firenze è una delle più strategiche e l’obiettivo è quello di continuare a crescere e diventare sempre più centrali nelle attività dell’azienda”.

Bobst
Bobst

Confermando l’importanza di Firenze l’azienda negli anni ha deciso di investire sempre di più, creando un polo unico a Campi Bisenzio dove oggi lavorano più di 200 persone e che si rivolge a tutto il territorio italiano. Crescita che, durante questo Family Day, ha potuto apprezzare anche Daniele Matteini, Assessore al Commercio del Comune di Campi Bisenzio per il quale Bobst Firenze rappresenta un fiore all’occhiello del tessuto imprenditoriale locale. E proprio la crescita è uno dei temi centrali nel business di Bobst Firenze che, in pochi anni, ha fatto registrare numeri a livello globale di assoluto rispetto. Sono piu di 1.200 le macchine vendute dalla sede italiana in tutto il mondo, con una presenza capillare in più di 70 Paesi, coprendo praticamente tutti i continenti. Questo è ovviamente un chiaro segnale di quanto Bobst Firenze sia ormai un player di valore internazionale e la sua attività sia apprezzata in ogni angolo del mondo. Matteo Cardinotti, CEO di Bobst Firenze, dichiara: “Questa è la terza volta nella nostra storia che organizziamo il Family Day. La prima volta, nel 2013, forse non eravamo più di 30 persone, poi nel 2019 abbiamo festeggiato l’acquisizione di un ulteriore capannone, mentre nell’incontro di oggi siamo oltre 300 persone, sintomo di una crescita costante, organica ed equilibrata. Crescere non è mai facile perché c’è il rischio che si rompano degli equilibri. Noi, invece, ci siamo riusciti in modo armonico e bilanciato, senza stravolgere la nostra anima ma con un chiaro obiettivo, che è quello di implementare il nostro business, unico modo per restare sul mercato”.

BOBST FIRENZE
BOBST FIRENZE