"Abbiamo appreso con stupore le dichiarazioni del consigliere Claudio Belgiorno, che ha definito la nostra società una ’pagliacciata’. Siamo un’associazione apolitica e rigettiamo l’accusa rivoltaci, diffamatoria e priva di ogni fondamento". E’ la replica del Prato Social Club (la neonata società che parteciperà alla Terza Categoria 202021) al pensiero del capogruppo di Fratelli d’Italia, Belgiorno, che nell’ultima seduta del consiglio comunale si era dimostrato scettico nei confronti dell’iniziativa, chiedendo alla giunta Biffoni di trattare con la Fiorentina la redazione di un progetto a lungo termine per il Lungobisenzio. "Non vorrei che questa ’pagliacciata’ sia una trovata dell’amministrazione per mettere in secondo piano il Prato, provando a concedere lo stadio fra qualche anno a questa nuova compagine – le sue parole – pensiamo a trovare una soluzione per aprire lo stadio e darlo alla squadra che ha diritto a giocarci". "Ci fa sorridere il fatto di essere accostati al Lungobisenzio senza nemmeno aver presentato il progetto", dicono i vertici del Prato SC.