Tracciabilità, Prato anticipa l’Europa. Passaporto digitale per i tessuti

Si chiama 4trace by 4sustainability, Qr code con tutte le caratteristiche. Progetto di cinque aziende

Tracciabilità, Prato anticipa l’Europa. Passaporto digitale per i tessuti

Tracciabilità, Prato anticipa l’Europa. Passaporto digitale per i tessuti

PRATO

Il nuovo regolamento europeo sulla Progettazione ecocompatibile per i prodotti sostenibili (ESPR) stabilisce che ogni prodotto tessile venduto nell’Unione dovrà avere un passaporto digitale: la dateline è il 2030. E c’è chi nel distretto pratese, come annunciato già nel convegno QN Distretti al Museo del Tessuto, ha bruciato le tappe ed in sinergia ha creato in anticipo questo strumento innovativo, che traccia il tessuto o il capo dalla produzione allo smaltimento. Protagoniste del passo nel futuro sono cinque aziende pratesi che hanno adottato 4trace, il Digital Textile Passport by 4sustainability: Lanificio Bigagli, Fortex, Fratelli Balli, Mario Bellucci, Manifattura Tessile Risaliti.

In attesa del pronunciamento sulle modalità per dotare capi e accessori di un passaporto digitale di prodotto, alcune aziende della filiera già impegnate in percorsi autonomi di sviluppo sostenibile si sono portate avanti col Digital Textile Passport.

Come è fruibile lo strumento? Il passaporto digitale dei prodotti tessili è accessibile tramite QR Code sviluppato per mettere a disposizione di brand e aziende-clienti un ampio ventaglio di informazioni: dalle caratteristiche del prodotto alle materie prime utilizzate, alla loro provenienza, agli impatti ambientali e sociali dei processi produttivi.

"Abbiamo deciso di investire in 4trace per offrire ai nostri clienti la massima trasparenza e garantire la sostenibilità dei nostri prodotti – spiegano le cinque eccellenze del distretto – Riteniamo che l’iniziativa possa non solo dare credibilità al nostro impegno per la sostenibilità, ma anche rafforzare la nostra competitività sui mercati globali".

4trace nasce dalla sinergia tra la metodologia di 4s TRACE – il protocollo del sistema 4sustainability® per la tracciabilità dei processi e il monitoraggio della filiera produttiva della moda – e la tecnologia della piattaforma The ID Factory per la tracciabilità di prodotto. Questa sinergia consente la mappatura delle filiere produttive, nonché la raccolta e la validazione dei dati per misurare e comunicare le performance ambientali e sociali di ogni singolo prodotto delle aziende coinvolte. "Con 4sustainability, che già accompagna le nostre roadmap di sostenibilità, abbiamo dato vita a un progetto pilota mirato a dotare i nostri prodotti tessili delle informazioni necessarie ai clienti per costruire i loro passaporti digitali di prodotto – dicono gli imprenditori – Verificata la fattibilità del progetto, che presentiamo in anteprima a Milano Unica, siamo pronti ad aprire le porte a quelle aziende che come noi credono nella trasparenza, nella riduzione d’impatto e nell’interoperabilità fra sistemi".

Francesca Rulli, ideatrice del sistema 4sustainability, sottolinea la lungimiranza e il gioco di squadra delle imprese capofila di 4trace. "In un contesto caratterizzato da una filiera produttiva frammentata, da consumatori sempre più attenti ai contenuti di sostenibilità dei prodotti e da una spinta normativa mai così importante – spiega – l’iniziativa delle aziende pratesi ci ha dato modo di testare il livello innovativo e funzionale delle nostre soluzioni per la tracciabilità e la misurazione d’impatto. Tutto questo in coerenza con un ruolo che ci vede da sempre a fianco di brand e filiera nella costruzione di un ecosistema moda autenticamente collaborativo".

Sa.Be.