Terrore sull’autobus. Rompe il vetro divisorio e ferisce l’autista. Ennesima aggressione

L’episodio è avvenuto ieri dopo pranzo: il balordo è stato individuato dalla polizia grazie alla videoregistrazione avvenuta sul mezzo. Il conducente, con lesioni e sotto choc, è stato trasportato in ospedale .

Terrore sull’autobus. Rompe il vetro divisorio e ferisce l’autista. Ennesima aggressione

Terrore sull’autobus. Rompe il vetro divisorio e ferisce l’autista. Ennesima aggressione

E’ stata davvero una brutta domenica per un autista di Autolinee Toscane che, suo malgrado, è stato protagonista di un’aggressione improvvisa da parte di un passeggero del trasporto pubblico. Il fatto è venuto poco dopo l’ora di pranzo di ieri su un mezzo pubblico della Linea 2+. Improvvisamente e senza un motivo preciso l’aggressore ha spaccato con un pugno il vetro divisorio di protezione della postazione del conducente. Le schegge sono finite addosso all’autista, ferendolo. L’aggredito è stato dimesso in serata.

La vittima ha lanciato subito l’allarme chiedendo l’intervento della polizia, che è giunta tempestivamente sul posto e grazie all’utilizzo delle immagini dei dispositivi di videoregistrazione ha prontamente individuato e fermato il responsabile dell’aggressione. Presto si conosceranno i provvedimenti che sono stati presi per l’uomo che pare che sia un volto noto alle forze dell’ordine.

Intanto, l’autista ferito è stato soccorso dagli operatori del 118 ed è stato trasportato in stato di choc al pronto soccorso dell’ospedale Santo Stefano. Le sue condizioni di salute non sono preoccupanti. Nella giornata di sabato, invece, è stato necessario l’intervento di una pattuaglia della polizia municipale per fermare un alterco molto acceso tra un autista di un bus di At e tre stranieri, che non avevano pagato il biglietto e che non volevano sentire ragioni di pagarlo. Gli agenti che stavano transitando da via del Fiordaliso si sono fermati e hanno stemperato i toni fino ad accompagnare i tre stranieri al comando per l’identificazione.

"Voglio ringraziare le forze dell’ordine che sono intervenute prontamente per mettere in sicurezza il nostro autista e le altre persone a bordo del bus – commenta il presidente di Autolinee Toscane Gianni Bechelli –. Esprimo a nome mio personale e di tutta l’azienda vicinanza e solidarietà al nostro conducente. Purtroppo, troppo spesso il nostro personale che svolge un servizio pubblico è vittima di aggressioni". E per contenere il fenomeno "come azienda, assieme ai sindacati, alla Regione, alle prefetture e alle questure, stiamo realizzando una vasta azione per aumentare i livelli di sicurezza dentro e fuori i nostri bus – aggiunge Bechelli – . Ma, quello che serve è pure un aumento della coscienza civica collettiva sul ruolo fondamentale che i lavoratori del Tpl svolgono a servizio delle persone garantendo il diritto alla mobilità". Anche l’assessore Flora Leoni è stata informata del fatto da Autolinee Toscane: "Ho espresso la massima solidarietà e vicinanza all’autista che durante il lavoro è stato aggredito ed è rimasto ferito e sotto choc". Intanto nel pomeriggio, è giunta un’altra segnalazione in redazione di un’aggressione ai danni di un controllore spintonato da un passeggero. Quest’ultimo era contrariato per la multa che il controllore stava elevando alla madre senza biglietto.

Sa.Be.