Stefanino alle aziende. L’ora della cerimonia

Domani alle 10.15 alla Camera di Commercio la consegna ai vincitori. Il premio è stato realizzato dal vicario della Diocesi Daniele Scaccini.

Stefanino alle aziende. L’ora della cerimonia
Stefanino alle aziende. L’ora della cerimonia

Prato consegna il Premio Santo Stefano. L’appuntamento è per domani alle 10.15 nell’auditorium della Camera di Commercio. La novità di quest’anno è lo "Stefanino", realizzato da monsignor Daniele Scaccini, vicario della Diocesi di Prato, laureato in architettura e ottimo disegnatore. Lo Stefanino 2023-2024 ha come base due ruote dentate che simboleggiano il lavoro, sormontate da una pietra verde del Monteferrato, dalla quale salgono delle fiammelle dorate; tre rappresentano il moto del Premio: scienza, coscienza e innovazione; una quarta, centrale, è la sintesi. Dalla pietra salgono anche dei fili colorati di alluminio, "sono la fantasia, ma anche un richiamo ai cicli del tessuto, del tessuto sociale e imprenditoriale di Prato. Questa opera – conclude il vicario Scaccini – vuole essere anche un omaggio a Giovanni Masi, l’ispiratore del premio".

Gli Stefanini saranno consegnati ai vincitori della quattordicesima edizione del Premio: Signo srl, Pecci Filati, Rifinizione Penny e Linsieme Filati. Si tratta di una azienda attiva nella grande distribuzione e tre imprese del comparto tessile. Alla premiazione parteciperanno padre Guidalberto Bormolini e di Raul Caruso, docente all’Università Cattolica, che dialogheranno sul tema dell’economia come strumento di pace. Sarà presente il sottosegretario agli esteri Giorgio Silli. "Questa iniziativa è importante – afferma Dalila Mazzi, presidente della Camera di Commercio di Pistoia e Prato – perché mette in evidenza la caratteristica dell’imprenditoria pratese". L’assessore allo sviluppo economico Benedetta Squittieri ha sottolineato come il premio rappresenti "una città che macina chilometri quando gli altri macinano centimetri". Sulla stessa lunghezza d’onda è intervenuta Raffaella Pinori, vice presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Prato: "è emozionante ricevere questo riconoscimento, i pratesi sono pragmatici, sembrano non aver bisogno di premi, invece è importante evidenziare le best practices". Il vice sindaco di Montemurlo, Giuseppe Forastiero ha osservato l’utilità di parlare di pace il giorno della premiazione. I cittadini possono inviare via web, attraverso il sito della Diocesi di Prato, una candidatura per il Premio Santo Stefano. "Le candidature sono state quaranta e non è stato facile scegliere – ha detto Daniela Toccafondi del comitato promotore – erano tutte meritevoli. Per questo abbiamo deciso di allargare a quattro la platea dei vincitori".