"Chi è in pensione ed è disponibile a darci una mano è sempre bene accetto all’Auser". Arrigo Landini, presidente della sezione di Montemurlo lancia un appello. L’invito è ad entrare a far parte della squadra di 35 nonni che ogni giorno svolge sul territorio servizi importantissimi per la comunità: dalla sicurezza nelle scuole al servizio di compagnia per chi è solo. Attività per le quali servono braccia volenterose. "Il merito dei servizi svolti dall’Auser è duplice – sottolinea l’assessore alle politiche sociali, Alberto Fanti – Le attività svolte non fanno bene solo alla comunità, ma valorizzano le persone che le portano avanti...

"Chi è in pensione ed è disponibile a darci una mano è sempre bene accetto all’Auser".

Arrigo Landini, presidente della sezione di Montemurlo lancia un appello. L’invito è ad entrare a far parte della squadra di 35 nonni che ogni giorno svolge sul territorio servizi importantissimi per la comunità: dalla sicurezza nelle scuole al servizio di compagnia per chi è solo. Attività per le quali servono braccia volenterose.

"Il merito dei servizi svolti dall’Auser è duplice – sottolinea l’assessore alle politiche sociali, Alberto Fanti – Le attività svolte non fanno bene solo alla comunità, ma valorizzano le persone che le portano avanti facendole sentire ancora attive, inserite in un contesto sociale di valore e apprezzate. E poi è fondamentale mantenere il rapporto tra bambini e anziani, un vero elisir di lunga vita che porta beneficio psicologico ad entrambi". Proprio sul rapporto coi bambini è fondato il servizio di sorveglianza svolto dall’Auser con ben 14 volontari all’interno delle scuole primarie e dell’infanzia del territorio, grazie ad un accordo con l’istituto comprensivo ‘Margherita Hack’".

Nella scuola non si è mai fermato il progetto del ‘nonno-vigile: gli anziani di fronte alle scuole ogni mattina fanno attraversare in sicurezza i bambini e da febbraio saranno loro a fare da accompagnatori al ‘Pedibus’, il progetto voluto dal Comune di Montemurlo per far raggiungere ai bambini la scuola a piedi. Le attività che vedono protagonisti i nonni Auser non si esariscono qui.

Gli anziani si occupano anche dell’apertura e chiusura di diversi giardini e della pulizia di aree pubbliche sempre molto frequentate come piazza della Libertà, il giardino Piccolo Principe, il giardino Carlo Collodi di via Rosselli e piazza Amendola a Oste. Con la pandemia è nato anche un altro servizio, il Parla con Noi, la linea telefonica dedicata al sostegno psicologico e alla compagnia degli anziani soli (telefono 3887753102 – 3887586749).

"Purtroppo ancora non possiamo riprendere, a causa della pandemia, il servizio di compagnia domiciliare che fornivamo a tanti anziani soli. Così, insieme al Comune, ci siamo inventati questo servizio di sostegno a distanza che sta funzionando bene – spiega sull’argomento Arrigo Landini, presidente dell’Auser Montemurlo – Restano invece ancora fermi i bocciodromi e molti nostri anziani ne soffrono, perché erano importanti luoghi di socializzazione. Comunque noi dell’Auser non ci scoraggiamo e lavoriamo per essere sempre di sostegno a chi ha bisogno".

In questi lunghi mesi di pandemia, infatti, non si è mai fermato il progetto "Buon Fine", che si occupa della consegna della spesa di generi alimentari e di farmaci alle persone che non hanno la possibilità di muoversi in autonomia.

"Inoltre accompagniamo gli anziani soli a visite mediche, ritiriamo medicinali in farmacia o ci premuriamo di procurare i sacchetti della spazzatura per chi non può recarsi all’Info Point di Alia e tanto altro ancora- conclude Landini- Tutte attività per non lasciare solo nessuno e per essere concretamente utili alla comunità".

I nonni di Auser Montemurlo durante il 2020 hanno partecipato anche alle 4 consegne delle mascherine, promossa dalla protezione civile.

Silvia Bini