Il Comune ci riprova. Dopo avere visto andare deserto il primo bando per realizzare la ‘Fabbrica dell’aria’ all’interno del mercato coperto di via Giordano al Macrolotto Zero, adesso l’amministrazione comunale ha pubblicato una gara a invito con base d’asta di 245.000 euro. Le offerte saranno aperte quest’oggi e secondo quanto...

Il Comune ci riprova. Dopo avere visto andare deserto il primo bando per realizzare la ‘Fabbrica dell’aria’ all’interno del mercato coperto di via Giordano al Macrolotto Zero, adesso l’amministrazione comunale ha pubblicato una gara a invito con base d’asta di 245.000 euro. Le offerte saranno aperte quest’oggi e secondo quanto anticipato dall’assessore Barberis ieri pomeriggio durante una seduta della commissione Lavori Pubblici "dovrebbero essere arrivate almeno due proposte".

L’intervento all’interno dell’ex Forti prevede la realizzazione di un sistema naturale di depurazione dell’aria attraverso l’uso delle piante. E poi la piantumazione di alberi e verde sia sulle facciate dell’immobile che nel parcheggio esterno. "E’ un progetto complesso quello che stiamo portando avanti – sottolinea Barberis –. Ma vogliamo provare a portare innovazioni in un’area della città dove cerchiamo di migliorare la qualità della vita dei residenti e di renderla più attrattiva anche per chi non ci vive".

Il cantiere, una volta affidato, durerà 150 giorni. Questo significa che, senza intoppi, si arriverà a inizio estate a completare i lavori. Poi andrà fatto un bando per cercare un gestore dell’immobile. Dopo la fine anticipata della sperimentazione con ‘Terra di Prato’ (su cui Curcio della Lega ha chiesto spiegazioni con un’apposita interrogazione), servirà quindi ancora tempo prima di vedere avviata la struttura con un programma regolare e predefinito. "Ho forti perplessità che questo progetto funzioni" sottolinea il consigliere comunale del Movimento 5 Stelle, Maioriello. Mentre il capogruppo di Fratelli d’Italia, Belgiorno incalza: "Siamo di fronte a un progetto molto azzardato".

Stefano De Biase