Quotidiano Nazionale logo
13 mag 2022

Palazzina ospedale: a fine maggio firma Governo-Regione per i soldi

L’assessore regionale. Bezzini annuncia che nelle. prossime settimane sarà. chiuso l’ultimo passaggio

"Nelle prossime settimane saranno sbloccati i finanziamenti ex articolo 20, che a Prato sono destinati alla realizzazione della palazzina esterna dell’ospedale Santo Stefano e alla costruzione del distretto socio-sanitario di San Paolo". E’ l’annuncio che l’assessore regionale alla salute Simone Bezzini ha fatto in occasione della festa regionale Fipac, la festa dei pensionati di Confesercenti che si è svolta alla Pubblica Assistenza di Prato. La Regione sta seguendo con attenzione il percorso burocratico interno al ministero, necessario dopo il via libera dalla Conferenza Stato-Regioni all’Accordo di programma integrativo. Per la Toscana significa un ulteriore passo avanti in vista dell’arrivo di risorse importanti, circa 220 milioni di euro, che saranno utilizzati per la realizzazione di vari interventi in campo sanitario. Aggiungendo altri 61 milioni di euro di cofinanziamento si arriva ad una somma complessiva di 280 milioni. L’articolo 20 della legge finanziaria 67 del 1988 rappresenta la principale fonte di finanziamento statale rivolta alle Regioni per investimenti in sanità. In particolare prevede l’istituzione di un programma pluriennale di interventi di ristrutturazione edilizia e ammodernamento tecnologico che è stato rifinanziato nel corso degli anni. Il passo conclusivo, che dovrebbe essere compiuto entro poche settimane - tra la fine di maggio e gli inizi di giugno - sarà rappresentato dalla sottoscrizione di un accordo tra Ministero della Salute e Regione.

Un fetta importante e consistente dei finanziamenti provenienti dall’ex articolo 20 è destinata al territorio pratese. L’Asl Toscana Centro è già pronta ai blocchi di partenza con il progetto validato e con il permesso a costruire per il distretto di San Paolo. Il progetto, risalente al 2018, ha un costo di 4 milioni e 300.000 euro. Ma prima di andare a gara l’Asl dovrà eseguire una revisione dei costi in relazione all’anno 2022. Una revisione dei prezzi che porterà a un possibile aumento del 20% sulla somma necessaria per la costruzione pari a 3 milioni e 300.000 euro (aumento finale di circa 500-600.000 euro). Diversa la situazione per l’ampliamento del Santo Stefano con la palazzina da 112 posti letto dal costo di 19 milioni e mezzo. Solo nel momento in cui si avrà la certezza dei soldi trasferiti da Roma in Toscana, i tecnici dell’Asl potranno indire la gara europea, avendo già in mano il piano esecutivo in corso di validazione.

Sa.Be.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?