Nuova piazza XX Settembre . I tempi del cantiere sono lunghi. Ponte al Molino: doppio senso vicino

La Soprintendenza potrebbe fare ricorso sulla variante: serviranno mesi per chiudere i lavori in centro

Nuova piazza XX Settembre . I tempi del cantiere sono lunghi. Ponte al Molino: doppio senso vicino

Nuova piazza XX Settembre . I tempi del cantiere sono lunghi. Ponte al Molino: doppio senso vicino

Piazza XX Settembre e viabilità interna, la ditta ha 120 giorni per completare i lavori. L’attesa dunque, sarà ancora lunga. Diversa la prospettiva per la riapertura della circolazione su ponte al Molino: in questo caso è atteso il via libera della Provincia che dovrebbe arrivare fra pochi giorni.

Andiamo con ordine. La Conferenza dei servizi per la variante di piazza XX Settembre a Poggio a Caiano si chiuderà entro questa settimana con l’invio a tutti i soggetti del verbale e la Soprintendenza, avendo dato parere negativo, ha 20 giorni di tempo per presentare eventuale ricorso al presidente del consiglio dei ministri. "Trascorso questo periodo – spiega l’assessore ai lavori pubblici di Poggio, Leonardo Mastropieri – consegneremo il verbale di ripresa dei lavori alla ditta che avrà 120 giorni per terminare il cantiere. La viabilità ricade sulla strada regionale e quelle parti che erano state ’assorbite’ dalla piazza rimangono viabilità, ovvero la strada SP 8 che costeggia piazza XX Settembre e conduce a via Pratese torna nella sua conformazione originale. Tutto l’assetto viario è stato conformato in base alle prescrizioni della Regione e della Provincia".

Capitolo doppi sensi. Il ripristino su via Vittorio Emanuele II ha generato il ricorso al Tar da parte di un gruppo di cittadini, ma il traffico non ha risentito del nuovo assetto e l’asfalto fonoassorbente ha migliorato la situazione. Resta il nodo dei parcheggi che sono carenti per rispondere alle esigenze di residenti, commercianti e clienti. Adesso c’è da sciogliere il nodo della riapertura di ponte al Molino a doppio senso: l’ultimo "scalino" da superare è vicino ossia il benestare della Provincia dopo le recenti schermaglie e la diffida del presidente Simone Calamai al sindaco Riccardo Palandri. "Alla Provincia – prosegue l’assessore Mastropieri – abbiamo trasmesso la relazione tecnica che evidenzia tutte le necessità e l’assenza di elementi ostativi sia di carattere amministrativo sia ambientale. La chiusura di ponte al Molino era inserita in un’ordinanza ormai decaduta del 30 giugno 2023, collegata alla chiusura di via Vittorio Emanuele. Confido che in questa fase prevalga l’interesse per la collettività". E’ in fase avanzata anche il trasloco dell’area ex Isidoro di via Pratese.

M. Serena Quercioli