La riserva dell’Acquerino rinasce. Nuovo "anello" verso Luogomano

Dopo i tagli per l’infestazione di bostrico durante il 2024 è prevista la ripiantumazione di conifere e latifoglie

La riserva dell’Acquerino rinasce. Nuovo "anello" verso Luogomano
La riserva dell’Acquerino rinasce. Nuovo "anello" verso Luogomano

Il 2024 potrebbe portare novità per la Riserva naturale Acquerino Cantagallo, che ormai da qualche anno è spogliata, nella parte più bella e turistica, delle piante a cui gli escursionisti erano abituati, infestate dal bostrico quindi rase al suolo.

Potrebbe essere proprio l’anno della prima ripiantumazione, prevista in realtà, inizialmente, già per la primavera del 2022 e data come parzialmente già avvenuta dal documento unico di programmazione che l’Unione dei Comuni – gestore delle aree demaniali per conto della Regione – ha pubblicato da poco sull’albo pretorio. Proprio sul Dup, si legge: "Proseguire gli interventi straordinari dovuti all’infestazione di bostrico all’interno del complesso Acquerino Luogomano, in località il Faggione, Vitetta, dove, dopo che l’infestazione si è manifestata nel 2021, si è reso necessario effettuare il taglio raso (unico metodo in caso di fortissime infestazioni), di circa 12,5 ettari di abetina. In particolare, e dopo aver incaricato la ditta esecutrice degli stessi, che ha iniziato il rimboschimento di una prima area sperimentale, nel corso del 2024 verrà continuato l’intervento nell’area e iniziato il monitoraggio".

"In realtà il rimboschimento deve ancora iniziare – spiega il funzionario dell’area forestazione dell’Unione dei Comuni, Luca Maccelli – stiamo ancora aspettando l’ok a procedere dalla Regione. A marzo provvederemo a piantumare una prima area sperimentale di circa 5 ettari. Poi vedremo come va, soprattutto in relazione agli animali, e nel 2025 completeremo il rimboschimento. Per quel che riguarda la tipologia di piante, sarà un misto di conifere e latifoglie. Entro marzo comunque faremo un incontro per condividere il progetto con i cittadini".

Ottime novità anche sul fronte dei sentieri. Sempre sul Dup fra le attività per il 2024, si legge: "Eseguire gli interventi straordinari per la valorizzazione turistica del complesso Acquerino Luogomano con il potenziamento del ’Sentiero delle sorgenti del Bisenzio’, attraverso la realizzazione di un tracciato ad anello che, partendo dall’abitato di Luogomano, e ritornandovi, dopo aver toccato i fabbricati di Vespaio e delle Barbe, valorizzi tutto il cuore centrale del percorso. Dopo che nel 2023 sono stati reperiti i fondi partecipando al bando di sviluppo rurale approvato dalla Regione e aver incaricato il progettista per il progetto esecutivo, nel 2024 si provvederà ad individuare la ditta esecutrice degli stessi, nonché alla loro esecuzione".

Claudia Iozzelli