Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
19 giu 2022

La fiera come una grande sagra popolare E in piazza l’anima di Prato, senza retorica

Tinte vivaci, giochi di richiamo, lotterie, luminarie, vendite di animali. Dal 1938 fino a oggi. Con il cordone ombelicale rimasto in Mercatale

19 giu 2022
roberto baldi
Cronaca

Penultima puntata del nostro appuntamento con il ’Come eravamo’ sulla fiera di Prato, una delle più importanti della Toscana, con il ricordo particolare di piazza Mercatale e le foto di Ranfagni. Le puntate precedenti: Edoardo Nesi, il Lungobisenzio, Filettole, la goliardia, le botteghe del centro, il ristorante Baghino, Silvio Pugi, Roberto Giovannini, la redazione pratese de La Nazione, Pietro Fiordelli, il tessile, Giorgio Vestri, il teatro Metastasio, Lohengrin Landini, il Politeama, il campanilismo Prato Firenze Pistoia, il Misoduli, Rodolfo e Roberta Betti, il trio degli avvocati penalisti Cappelli-Guarducci-Mati, il corteggio storico, Giuliano Gori, Arnolfo Biagioli e Antonio Lucchesi. di Roberto Baldi "E non si fece mai fiera a Prato ch’io non v’andassi", dice un personaggio della Mandragola di Machiavelli. A Prato dove? Che diamine: in piazza Mercatale, perché era lì che nell’occasione del ritrovo annuale prendeva vita la voglia di ritrovarsi nel rincorrersi di portici e di mura merlate prospicienti il Bisenzio. E’ lì che nasce la fiera, la più importante di tutta la Toscana, emigrando dopo gli anni ’50 allo stadio di via Firenze e poi per sei anni in piazza dei Macelli; sul finire degli anni ’70 al parco dell’ippodromo e quindi in viale Galilei fino agli anni ’90 per approdare all’attuale grande area di viale Marconi. Ma il cordone ombelicale e il ricordo degli anni verdi è in questa piazza, come rammenta un articolo del nostro giornale uscito il 7 settembre 2014 XVI EF (sedicesimo anno dell’era fascista) che celebra dopo un periodo di sosta il "ritorno" a Prato della "fiera" originata nel 1938. "Non s’era mai detto apertamente - vi si legge - ma oggi che questa grande e bizzarra parola fiera, in virtù di nuove comprensioni ed in vista di maggiori orizzonti, c’è stata resa nella sua più completa e pura integrità, noi pratesi ci risentiamo a tutt’agio di ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?