Innovazione sostenibile. Una delegazione europea visita le aziende pratesi

Il momento di confronto nell’ambito del progetto "RegioGreenTex" per conoscere il distretto e le ultime tecniche nel settore del riciclo.

Innovazione sostenibile. Una delegazione europea visita le aziende pratesi

Innovazione sostenibile. Una delegazione europea visita le aziende pratesi

Una delegazione del progetto europeo triennale RegioGreenTex ha visitato Prato con l’obiettivo di conoscere le aziende partner (Trafi e Marini Industrie) e più in generale il distretto tessile, le sue peculiarità e il suo impegno nell’innovazione sostenibile. Il progetto RegioGreenTex coinvolge 43 partner provenienti da 11 regioni di otto Paesi europei, tra cui 26 pmi, con l’ambizioso obiettivo di offrire soluzioni concrete per le aziende della filiera tessile. Il progetto mira a creare una catena del valore dedicata al riciclo dei tessuti, sfruttando al massimo le opportunità di mercato. La delegazione di RegioGreenTex, noto anche come “Regions for Green Textiles,” è stata guidata dalla direttrice Jennifer Palumbo, rappresentante dell’associazione europea dell’industria tessile e dell’abbigliamento, Euratex, insieme al centro di ricerca pratese Next Technology Tecnotessile. E’ stata un’occasione unica conoscere gli ultimi sviluppi dell’hub tessile pratese e il suo dinamico distretto industriale.

Durante il primo giorno, si è svolto un incontro al centro Prisma di Prato, dove sono stati discussi i progressi e le prospettive relative al progetto. Il secondo giorno ha visto una visita a Trafi, azienda partner del progetto, e Goritex mentre l’ultimo giorno è stato dedicato alle visite a Marini Industrie, partner del progetto, e Lanificio Faliero Sarti.

"La visita ha rappresentato un’opportunità preziosa per consolidare le sinergie e promuovere la sostenibilità all’interno del distretto tessile di Prato", ha detto Francesco Marini, managing director di Marini Industrie, azienda tessile fondata nel 1945 e da anni impegnata sul fronte della sostenibilità.

"Come noi, ogni azienda partner del progetto ha la possibilità di studiare nuove tecnologie ed applicarle per ridurre l’impatto sull’ambiente".

"A Prato, il riciclo dei tessuti è una tradizione che ha radici nell’800, e non c’è probabilmente un luogo migliore per un progetto come questo", ha aggiunto Fabio Giusti, titolare dell’azienda Trafi. "Per una piccola impresa che fa notevoli sforzi per investire in ricerca, RegioGreenTex rappresenta una vera opportunità per aprire nuove strade e scoprire nuove possibilità".