Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
2 ago 2022
2 ago 2022

"Il mio poster per ricordare la Strage di Bologna"

Teresa Monni, 19 anni, studia design grafico e ha vinto il concorso per la locandina ufficiale

2 ago 2022

Oggi a Bologna è il giorno della cerimonia di commemorazione della strage alla stazione Centrale del 2 agosto 1980. Molte le iniziative per non dimenticare che sono state organizzata dal Comune di Bologna, collegate tra loro da titolo "La verità si ricompone". Titolo che campeggia sulla locandina ufficiale del programma degli appuntamenti per il 42° anniversario, che è stata ideata e realizzata dalle 19enne Teresa Monni di Vaiano, che frequenta il primo anno di designa grafico all’Accademia di belle arti di Bologna.

Il poster di Teresa ha vinto il concorso a cui hanno preso parte anche gli studenti del suo corso, e ora è affisso in tutta la città in ricordo dell’anniversario.

La stessa studentessa racconta: "Gli allievi d design grafico hanno partecipato ad un incontro a cura del Comune di Bologna, con Paolo Bolognesi, presidente dell’associazione dei familiari delle vittime della strage del 1980, che ci ha parlato della vicenda, delle vittime e dei sopravvissuti, ma soprattutto dei processi e dei vari depistaggi che si sono susseguiti nel tempo. Dopo quell’incontro ho sviluppato ma mia idea e l’ho presentata – aggiunge Teresa – nel comporre l’immagine mi sono soffermata sui depistaggi, una delle cose che mi avevano più colpito era stata, infatti, la presenza di moltissimi documenti censurati. Vedere la mia locandina realizzata e stampata è stata una bella soddisfazione. Continuerò a studiare grafica che è anche la mia passione, la sto coltivando, vediamo dove mi porterà". Intanto la 19enne vaianese è partita per una vacanza-studio all’estero.

A convincere la giuria che quella di Teresa Monni fosse l’immagine giusta per ricordare la Strage del 1980 è stato il messaggio che conteneva ovvero la scritta "La verità si ricompone" riprodotta più volte e cancellata come in un dossier secretato. Un’immagine potente che rimanda subito ai depistaggi che in questi ultimi quaranta anni di storia italiana hanno caratterizzato le indagini sulla bomba esplosa alla stazione bolognese.

E.D.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?