Prato, 11 marzo 2020 -  Sono arrivati i primi risultati dei quindici tamponi faringei eseguiti sugli anziani ospiti della rsa di Comeana. Di questo gruppo, sottoposto a controllo sul coronavirus, otto su quindici sono risultati positivi. Per la Rsa ed i suoi ospiti  è stata disposta la quarantena. Sembra che gli ospiti affetti da Covid-19 non abbiamo particolari sintomi: alcuni di loro avrebbero già avuto l’influenza qualche settimana fa. Quindi, gli otto non saranno trasferiti in ospedale a Prato. La quarantena è stata disposta dall’Asl, mentre il Comune di  Carmignano sta predisponendo un’ordinanza che interessa il resto della popolazione e quanti hanno frequentato la struttura.

Nella rsa di Coemeana lavora l'infermiere di 30 anni di Montelupo Fiorentino che è risultato positivo al Covid-19 ed è ricoverato al Santo Stefano: l’uomo avrebbe contratto il virus in occasione di un concerto a cui ha partecipato il 28 febbraio scorso a Milano. Non appena era giunta la notizia della positività del tampone, la Rsa di Comeana  è stata messa in isolamento.

C'è anche una donna di 100 anni fra il gruppetto di otto anziani ospiti della Rsa di Comeana di Prato per i quali è scattato l'isolamento. La centenaria è in buone condizioni cliniche e per lei, come per gli altri sette, vige adesso la sorveglianza attiva da parte del medico di medicina generale e del Dipartimento di prevenzione della Usl Toscana centro. Gli altri sette anziani, di età fra 73 e i 96 anni, si trovano nella stessa condizione della centenaria: tutti in isolamento domiciliare e in buone condizione, vengono vigilati dai medici.

Intanto i sindaci di Poggio a Caiano Francesco Puggelli e Carmignano, Edoardo Prestanti hanno firmato oggi l'isolamento fiduciario per gli ospiti della rsa in attesa della conclusione dell’indagine epidemiologica già avviata dalla Asl.  L’Asl ha inoltre disposto la quarantena della Rsa di Comeana e sta procedendo a effettuare le quarantene di tutti i contatti stretti. Questa misura va a sommarsi a quanto previsto dal Dpcm del 9 marzo 2020. E’ stato poi sospeso temporaneamente il servizio di Centro diurno anziani effettuato all’interno della Rsa e sono state interrotte tutte le procedure per nuovi inserimenti all’interno della Rsa. 

La cosa più importante che ci preme sottolineare è che la situazione è sotto costante monitoraggio. - dichiarano Prestanti e Puggelli -. Come Sindaci ci siamo immediatamente attivati per predisporre questa ulteriore misura che tuteli i nostri Comuni. Questo in parallelo al lavoro della Asl, dei medici di medicina generale e di tutto lo staff della Rsa di Comeana, che stanno predisponendo tutti gli strumenti necessari volti ad arginare il contagio e a garantire le massime cure e tutto il sostegno necessario agli ospiti e ai lavoratori della struttura. Gli operatori e le operatrici potranno continuare a lavorare nella struttura con le precauzioni necessarie. Per tutti gli altri cittadini non sono necessarie altre misure, vale quanto disposto dal decreto ministeriale, ossia restare a casa. Gli spostamenti da un territorio a un altro potranno avvenire solo se motivati da esigenze lavorative, o situazioni di necessità o per motivi di salute".

Prestanti e Puggelli invitano "a non credere alle fake news e ad informarsi solo ed esclusivamente tramite fonti ufficiali. Serve la massima collaborazione di tutti per far sì che la diffusione del virus sia contenuta. Contiamo sul supporto di tutta la cittadinanza”.