Prato, 24 febbraio 2020 - Sotto le note di Gino Paoli, va in scena l'assalto alle casse del supermercato. Di solito il lunedì mattina al "super" di Prato, viale Leonardo Da Vinci, è  il deserto o quasi invece nella settimana del coronavirus più virulento in tutta Italia ecco che alle 9 all' Esselunga di Pratilia c'è  la coda ovunque.

"Par d'essere a Natale" dice una commessa. " E invece ci scappa la terza guerra mondiale ma batteriologica" le fa eco una pratese 70enne. I clienti più numerosi? I cinesi di Prato. Diversi con mascherina d'ordinanza. Acquistano di tutto a partire da litri e litri di acqua naturale.  I pratesi hanno dato invece l'assalto alla pasta. Resta l'integrale. E di tutti i tipi.  Perché ora c'è da salvare la pelle mica fare la dieta a zona.