Claudia Bolognesi, direttrice del Consorzio turistico di Volterra
Claudia Bolognesi, direttrice del Consorzio turistico di Volterra

Volterra (Pisa), 19 settembre 2019 - Per Vogue Australia, Volterra vale, eccome, una fatica transoceanica: la rivista più glamour del pianeta inserisce il colle etrusco fra le 25 mete italiane imperdibili, dove fuggire per rigenerarsi. Vernazza, Sperlonga, Sorrento, San Gimignano (per citarne alcune) e, appunto, Volterra: la città entra di diritto nella classifica stilata dalla costola australiana di Vogue dove scorrono "esempi splendidi – sono le parole vergate da Vogue nell’edizione australiana – di incantevoli cittadine italiane su cui iniziare a pianificare una vacanza".

Un invito al viaggio che risuona dalle pagine di uno dei giornali-icona al mondo, che ha fatto della bellezza (in ogni sua sfaccettatura) la grande cifra distintiva: ma agli australiani, piace già Volterra? "E’ un turismo ancora di nicchia, che non conta su numeri importanti – spiega Claudia Bolognesi, direttrice del consorzio turistico – gli australiani ci sono, si vedono già da qualche anno soprattutto nei periodi fuori stagione. E’ indubbiamente un segmento che, se pur piccolo, sta vivendo una crescita".

E rimanendo incollati al settore turistico ed alle sorprese che si trascina dietro (vedi, appunto, l’"incoronazione" australiana della città) c’è invece un fattore che ancora trascina frotte di curiosi a Volterra, dopo dieci anni. Stiamo parlando della saga vampiresca di Twilight che, a più di due lustri dall’uscita (e nonostante il capitolo numero due del film, New Moon, sia stato girato a Montepulciano, nella veste cinematografica di Volterra) continua a incuriosire.

"Ogni volta pensiamo: sarà l’ultimo anno che organizziamo i tour alla scoperta dei luoghi di Edward e Bella (i protagonisti della saga, ndr) – commenta Bolognesi – e ogni volta, puntualmente, dobbiamo ricrederci, perché il filone legato a Twilight continua a portare turisti. I tour che organizziamo ogni estate sono sempre un pienone. Donne, in primis, e straniere. Giovanissime di adesso, e donne che dieci anni fa erano adolescenti innamorate pazze dei romanzi prima e dei film poi".

Insomma i Volturi stregano ancora. E la fiction "I Medici" sta catturando nuove frontiere turistiche? "Non ha ancora la portata di New Moon, ma ci vuole tempo – risponde Bolognesi – vede, se un turista che ha visto la serie tv vuole godersi un tour nei luoghi dei Medici, di solito prende la rotta per Firenze, non per Volterra. Ma qualcosa si muove, perché è discreto il successo delle visite sui luoghi della fiction".