Pontedera, 10 agosto 2018 - Rapina ieri notte nell’abitazione del padre del Governatore della Toscana, Enrico Rossi, a Cascine di Buti. Due malviventi incappucciati hanno forzato la porta e sono entrati: erano circa le 23.40.

Prima hanno minacciato la compagna di Angelo Rossi, Arduina Brogi, con un cacciavite; la donna stava guardando la televisione. Poi hanno svegliato  il padre di Rossi e gli hanno fatto aprire la cassaforte. Dopo aver preso un po' di contanti e alcuni anelli, i rapinatori hanno chiuso Angelo Rossi e Arduina Brogi in camera e sono scappati dicendo loro di non dare l'allarme per un po'.  

Rossi e la compagna poco dopo sono scesi in strada e hanno lanciato l'allarme. Sul posto sono intervenuti i carabinieri.

LA SOLIDARIETA' DELLA LEGA -  "Mi dispiace per l’accaduto e mando la mia solidarietà al Governatore e ai suoi familiari - così scrive  il Deputato della Lega, Edoardo Ziello  - Forse adesso comprenderà la bontà della nostra proposta sulla legittima difesa e che in Italia, purtroppo, per colpa di politiche sbagliate, volute dalla sinistra, siamo già nel far west. Stiamo lavorando per rafforzare, ancora di più, la sicurezza in tutto il Paese, grazie al grande lavoro del Ministro dell’Interno, Matteo Salvini”.

LA RISPOSTA DI ENRICO ROSSI - "Trovo francamente fuori luogo la solidarietà pelosa che mi esprime la Lega - sottolinea il governatore della Toscana Enrico Rossi (GUARDA IL VIDEO) -  strumentalizzando una vicenda negativa occorsa a mio padre novantenne e alla sua compagna. Questo episodio, come altri che sono accaduti anche a me, mi convincono che meno armi sono in circolazione (e meno se ne favorisce l'uso), meglio è per la vita e la sicurezza di tutti. La reazione di mio padre è stata esemplare. Ringrazio i Carabinieri e confido nel lavoro delle forze dell'ordine".