Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
17 nov 2021

"Ventotene", l’Europa raccontata ai ragazzi

Il libro scritto da Chiara Bini e illustrato dalla pistoiese Roberta Ripaoni, è rivolto agli studenti delle medie. "Ed è già nelle scuole"

17 nov 2021
L’autrice del libro «L’isola che diventò continente» Chiara Bini
L’autrice del libro «L’isola che diventò continente» Chiara Bini
L’autrice del libro «L’isola che diventò continente» Chiara Bini
L’autrice del libro «L’isola che diventò continente» Chiara Bini
L’autrice del libro «L’isola che diventò continente» Chiara Bini
L’autrice del libro «L’isola che diventò continente» Chiara Bini

Se avesse sembianze umane e fosse essere vivente più di quel che già la natura non le consente probabilmente, volgendo lo sguardo ovunque all’orizzonte, non scorgerebbe altro che un’idea: libertà. Perché essere isola questo suggerisce, l’assenza di barriere e muri. Eppure per quello che si potrebbe chiamare "scherzo del destino" Ventotene, due chilometri quadrati tra il Lazio e la Campania, altro non fu nella storia che terra di esilio prima e di confino poi. Fu qui ottant’anni fa che si gettarono le basi per l’Europa di oggi attraverso il Manifesto di Ventotene. Una storia a qualcuno ancora sconosciuta quella di quest’isola che diventa protagonista del libro "L’isola che diventò continente. Ventotene, dove l’unione fece la forza" (I Libri di Mompracem, 2021) scritto dalla collega Chiara Bini e illustrato dalla pistoiese Roberta Ripaoni, che dopo l’esperienza condotta assieme un anno fa con "La marcia dei sogni" tornano a rivolgersi al pubblico più giovane, dagli 11 anni in su, per spiegare qualcosa di davvero grande. "Tutto è cominciato da una sorta di folgorazione, quella che riflettendo mentre si parlava d’Europa portò Paolo Ciampi, tra i fondatori di Mompracem, a definire Ventotene ‘l’isola che divenne continente’ - spiega l’autrice dei testi Chiara Bini -, un’espressione così bella e felice da diventare seme di questa storia. E così siamo partiti da un’immagine: Ventotene se la guardi dall’alto appare come una sirena addormentata. A lei in prima persona, ho pensato, avrei lasciato raccontare questa storia". Entrano così in scena Altiero Spinelli, Eugenio Colorni ed Ernesto Rossi i tre antifascisti confinati a Ventotene considerati i padrini del Manifesto "Per un’Europa libera e unita" che con coraggio scelsero di dare gambe ai loro sogni. "Il libro è pensato per i ragazzi delle medie, dalla seconda in poi – continua Chiara – e già sta circolando tra gli ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?