"Tutta la cittadinanza di Agliana deve conoscere la verità sull'inceneritore"

La segreteria del Pd di Agliana denuncia una situazione "grave e senza trasparenza" sull'inceneritore, al centro di un acceso dibattito politico. Oggi, alle 18, al Centro Nerucci di Montale, presentazione delle tre proposte sul futuro dell'impianto.

"Tutta la cittadinanza deve conoscere la verità sull’inceneritore"

"Tutta la cittadinanza deve conoscere la verità sull’inceneritore"

La segreteria del Pd aglianese denuncia una situazione "grave e senza trasparenza" sull’inceneritore, al centro di un acceso dibattito politico. Intanto oggi, alle 18, al Centro Nerucci di Montale, si riunisce la commissione ambiente per presentare a tutti e nel dettaglio le tre proposte sul futuro dell’impianto: due ipotesi di ammodernamento e una per la riconversione ed è la prima volta che le tre proposte vengono presentate diffusamente. Ci saranno anche le società che le hanno avanzate. Nel comune di Agliana la commissione ambiente, sullo stesso argomento, ci sarà il 24 ottobre (lo abbiamo appreso dalla presidente Francesca Biagioni) e i consiglieri aspettano impazienti la convocazione ufficiale, in particolare i tre capigruppo di opposizione che avevano chiesto la convocazione a fine settembre: Alberto Guercini (Agliana in comune), Massimo Bartoli (M5s) e Massimo Vannuccini (Pd-Agliana insieme). Nei giorni scorsi, proprio Vannuccini ha protestato: "Non è ancora stata convocata la commissione ambiente, non sono state presentate ai consiglieri aglianesi le tre ipotesi sul futuro dell’inceneritore e abbiamo appreso che c’è stata una riunione con l’assessore regionale all’ambiente, per prorogare l’attività dell’impianto così com’è per altri cinque o sette anni". Ed ecco ora le dichiarazioni di Andrea Acciai, segretario del Pd aglianese: "Solo per vie non ufficiali abbiamo appreso di una riunione fatta anche alla presenza del sindaco di Agliana Luca Benesperi, in cui si è discusso del futuro dell’impianto. La cui chiusura, annunciata in campagna elettorale nel 2019 da questa amministrazione, è ora lontana. Questa amministrazione ormai a fine mandato, su rifiuti e inceneritore in questi anni non ha quasi mai proferito parola, tanto che non sono state fatte nemmeno campagne di sensibilizzazione sulla differenziata. Non stupisce più infatti il silenzio del sindaco. È bene che tutta la cittadinanza sappia la verità, visto che questa amministrazione non ha mai usato la trasparenza e la partecipazione come metodo di lavoro. Ci chiediamo – conclude Acciai – che fine abbia fatto Nerozzi che come una stampella tiene in vita questa amministrazione".

Piera Salvi