Marcello e Giovanna Innocenti
Marcello e Giovanna Innocenti

Montale (Pistoia), 6 dicembre 2019 - Una vita insieme. E insieme se ne sono andati, a distanza di pochi minuti l’uno dall’altro. Prima lei accusa un infarto, poi lui, a vederla, un malore. Entrambi sono morti al San Jacopo dopo i tentativi disperati di volontari e medici. E’ lutto a Montale per l’improvvisa scomparsa dei coniugi Innocenti. Marcello e la moglie Giovanna, 87 anni lui e 86 lei, sono morti mercoledì pomeriggio dopo una disperata corsa in ambulanza, lasciano il figlio Giacomo. Tutto è accaduto in pochi attimi durante un pomeriggio ordinario mentre stavano andando all’ospedale San Jacopo per un ricovero programmato dell’uomo.

Sono da poco passate le 15 quando Giovanna Perugi sale in ambulanza per accompagnare il marito all’ospedale. L’uomo doveva essere operato a una gamba ieri e il giorno prima sarebbe stato ricoverato nel reparto di medicina. Durante il trasporto, inaspettatamente, la donna, che sedeva accanto all’autista dell’ambulanza, accusa un malore. I volontari capiscono subito che si tratta di un infarto. L’ambulanza, costretta a bloccarsi, chiama i rinforzi e sul posto arriva un altro mezzo insieme all’auto medica. Il personale inizia le manovre rianimatorie e tutto avviene sotto gli occhi scioccati del marito. A questo punto entrambi partono di corsa verso l’ospedale.

La donna , che era stata ’attaccata’ al rianimatore Lukas, viene trasportata al pronto soccorso, il marito in reparto dove il personale lo sistema in camera. E’ a quel punto però, che l’uomo, evidentemente in ansia per la moglie e ancora sotto shock per averla vista esanime, si sente male e muore. Pochi minuti dopo smettono le manovre rianimatorie anche i medici del pronto soccorso: per la donna non c’è, purtroppo, più nulla da fare. Marito e moglie sono quindi morti nello stesso luogo e in una manciata di minuti, lasciando sconvolti anche i sanitari che li avevano presi in carico e che hanno vissuto questa situazione paradossale. Come previsto la direzione sanitaria dell’ospedale ha informato la famiglia dei coniugi della possibilità di eseguire l’autopsia per accertare le cause dei due decessi, ma il figlio della coppia ha deciso di evitare questo ulteriore passaggio ai suoi cari.

Uniti nella vita e nella morte: i coniugi Innocenti erano molto conosciuti a Montale. Marcello, prima di andare in pensione, lavorava in una ditta di filati. Una tragedia per la famiglia che non si aspettava un epilogo del genere. Il figlio dovrà dire addio a entrambi i genitori in un unico funerale. Già nel pomeriggio di ieri le salme di marito e moglie sono state esposte alle cappelle del commiato a Montale mentre il rito funebre sarà celebrato oggi alle 15 nella chiesa del paese.