L’autorizzazione di Anas non arriva. Un’altra estate senza il nuovo velox

Un deterrente inutilizzato e mancati introiti per il Comune, che non può agire

L’autorizzazione di Anas non arriva. Un’altra estate senza il nuovo velox

L’autorizzazione di Anas non arriva. Un’altra estate senza il nuovo velox

L’annuncio del nuovo autovelox da installare come deterrente per il rispetto dei limiti di velocità lungo la SS64 "Porrettana" (nella zona fra La Cugna e Signorino) risale ad inizio anno quando, in consiglio comunale, infiammava la discussione relativa alla presentazione del Bilancio di previsione 2023 ed uno dei temi caldi era quello legato agli introiti delle multe grazie all’installazione di tre nuove macchine: due lungo la SP5 "Montalese" a Pontenuovo e Santomato, la terza lungo la stessa statale che collega Pistoia a Porretta per disincentivare ritmi di velocità troppo sostenuti. "Situazioni che hanno indotto l’Amministrazione – si leggeva nel comunicato stampa post-approvazione del Bilancio – a interloquire con enti proposti per trovare soluzioni anche consistenti nella collocazione di strumentazione per sanzionare il superamento dei limiti di velocità. Su queste strade abbiamo il dovere morale di trovare soluzioni per cercare di diminuire il più possibile gli incidenti".

Fatto sta che, al momento, i due nuovi autovelox lungo la "Montalese" sono stati installati – e uno anche già preso di mira dai vandali – mentre l’estate è trascorsa e i tempi per il terzo si sono allungati enormemente. Ad oggi, infatti, manca l’autorizzazione da parte di Anas (ente proprietario della strada) per l’installazione e, di conseguenza, tutto il periodo di maggior afflusso di motociclisti lungo questa arteria di collegamento è passato senza che venisse fatta nemmeno una multa col Comune che, dal canto suo, poco può fare. Un problema anche per il bilancio, visto che gli introiti che erano stati previsti non ci sono stati ma, soprattutto, uno stallo che porta a minor sicurezza nei tratti più veloci arrivando fino agli incidenti che si sono verificati nelle ultime ore e che hanno riportato alla mente sinistri più o meno tragici che ci sono stati nel corso degli anni, soprattutto fra la Cugna e Pavana. Tutto questo dopo che la stessa Anas ha provveduto a riasfaltare numerosi tratti della strada adesso più sicura, ma anche più veloce.

Red.pt.