Don Massimo: il dormitorio in chiesa (Foto Castellani)
Don Massimo: il dormitorio in chiesa (Foto Castellani)

Pistoia, 13 settembre 2018 -  Si sono caricati sulle spalle i materassi, insieme con i loro pochi bagagli li hanno portati giù per due piani attraverso la scala che dai locali sopra la parrocchia (dichiarati non a norma) collega alla piccola chiesa vecchia e infine alla moderna chiesa di Vicofaro. Da ieri sera, per almeno una ventina dei giovani migranti accolti fuori progetto da don Massimo Biancalani, sarà proprio la chiesa a dar loro un tetto per la notte, nel senso letterale del termine.

«Almeno qui nessuno oserà entrare – ha commentato don Biancalani, seguendo le operazioni di trasloco – Dare ai ragazzi un posto in chiesa mi è sembrata la risposta più logica alla ordinanza con il Comune ci chiede di cessare l’accoglienza. Una scelta che ha un alto valore morale e che spero possa essere da esempio per i ragazzi della parrocchia che qui tra poco inizieranno il catechismo». I materassi sono stati sistemati nel matroneo, la platea sul soppalco che di solito resta inutilizzata.

«La presenza di questi ragazzi nella chiesa non costituirà alcun problema per lo svolgimento delle funzioni – assicura don Massimo –, in quanto questi spazi saranno utilizzati solo come dormitorio». La chiesa resterà aperta, come del resto accadeva anche nei locali sopra la parrocchia, dove i ragazzi erano liberi di rincasare quando volevano.

E domani? «Tramite i nostri avvocati, Ermanno Buiani, Elena Baldi e Fausto Malucchi, impugneremo l’ordinanza e andremo avanti. Abbiamo svolto una riunione anche con l’ingegner Franco Gori che sta seguendo il progetto degli interventi. Ovviamente, i lavori di adeguamento delle cucine e dei locali ritenuti non idonei, saranno costosi». Su questo tema don Biancalani ha convocato un’assemblea pubblica stasera a Vicofaro, per arrogliere idee e propste sul da farsi. Intanto, ieri pomeriggio a Vicofaro c’era anche don Patrizio Fabbri, vicario del vescovo, che ha annunciato la disponibilità della Caritas ad ospitare altri 20 migranti.

«Uno sforzo che – ha detto don Biancalani – apprendo con piacere. Del resto, è bene che le chiese si attrezzino, perché c’è da aspettarsi nei prossimi mesi un afflusso enorme di queste persone. Nelle cooperative della nostra provincia abbiamo circa 600 ragazzi, che tra pochi mesi termineranno l’iter previsto, e allora dove andranno?». Intanto l’emergenza si toccherà quando arriverà il freddo. «Questa – ha detto don Massimo – è una soluzione provvisoria, che potrà durare qualche mese».

Nella parrocchia di Ramini hanno trovato sistemazione i ragazzi del Cas (centro di accoglienza straordinario). Tra di loro c’è anche Ibrahim, che si fa chiamare Ebest. E’ lui che ci racconta, per tutti, come ha vissuto queste ore. «Quando ci hanno detto che dovevamo lasciare la casa ci siamo spaventati. Ma don Massimo ci ha tranquillizzato, ha detto che faremo i lavori e poi potremo tornare. Io dormo a Ramini, ma tutti i giorni torno qui perché qui stanno i miei amici. Qualcuno che lavora a Prato e a Firenze ha provato a cercare un alloggio, ma non è facile: anche se hai i soldi è difficile trovare chi ti affitta la casa». In questi giorni ci sarà da fare, per sistemare il nuovo dormitorio, ma dalla prossima settimana si torna a scuola. Ibrahim studia all’istituto Einaudi e non ha intenzione di mollare.