Pisa, due professori universitari entrano nella storia dell’informatica

Paolo Ferragina e Giovanni Manzini hanno ricevuto il premio internazionale ‘Paris Kanellakis Theory and Practice Award’, primi in Italia e quarti in Europa

Paolo Ferragina e Giovanni Manzini

Paolo Ferragina e Giovanni Manzini

Pisa, 8 maggio 2023 - Primi italiani e quarti europei, i professori Paolo Ferragina e Giovanni Manzini dell'Università di Pisa hanno ricevuto il ‘Paris Kanellakis Theory and Practice Award’, il premio internazionale istituito nel 1996 che è considerato per rilievo nel campo dell'informatica secondo solo al Premio Turing, di fatto il Nobel della disciplina. Il prestigioso riconoscimento, assegnato ogni anno dall'Association for Computing Machinery (Acm), viene attribuito per ‘specifici risultati teorici che hanno avuto un impatto significativo e dimostrabile sulla pratica dell'informatica’. Tra i passati vincitori ci sono gli inventori della crittografia a chiave pubblica, dei codici a correzione di errore usati per le trasmissioni video, e degli algoritmi per il sequenziamento del Dna. I professori Ferragina e Manzini sono stati premiati per l'invenzione dell'FM-index, con risultati scientifici che hanno rivoluzionato la compressione dati e le applicazioni dell'informatica alla genomica. Oltre ai due docenti del Dipartimento di Informatica, il premio è stato assegnato anche a Michael Burrows, ricercatore inglese che lavora a Google. Paolo Ferragina e Giovanni Manzini sono ordinari di Algoritmi al Dipartimento di Informatica dell'Università di Pisa. “Faccio i complimenti miei e dell’Università di Pisa ai professori Ferragina e Manzini – ha detto il rettore Riccardo Zucchi – che con le loro ricerche contribuiscono al progresso della scienza, con un impatto diretto e concreto sulla crescita della società. Questo premio ha radici profonde, che derivano dalla grande tradizione e dai primati che l’Ateneo e Pisa vantano nell’informatica, a partire dalla Calcolatrice Elettronica Pisana (la Cep) di metà anni Cinquanta del secolo scorso, dal primo corso di laurea italiano in Informatica e dal primo collegamento alla rete Internet in Italia. Anche oggi il settore informatico pisano conferma di saper raccogliere e rilanciare le sfide del futuro, con un prestigio che ci viene riconosciuto in tutto il mondo, grazie alla capacità di abbinare una ricerca di avanguardia con una didattica di qualità ai vari livelli della formazione, dalla laurea triennale al dottorato di ricerca”. “Il premio è un riconoscimento agli studi nei settori della compressione dati e dei motori di ricerca– ha detto il professor Giovanni Manzini - sui quali la comunità italiana è sempre stata all’avanguardia e ha espresso negli anni risultati scientifici molto apprezzati a livello internazionale. Questa tradizione ha ispirato e nutrito le nostre ricerche di inizio anni 2000 e tutta la nostra attività di ricerca successiva”. “Il premio – ha affermato il professor Paolo Ferragina - è frutto di una ricerca che è nata ed è stata condotta in Italia, in un ambiente fertile di iniziative e collaborazioni, quale il nostro Dipartimento di Informatica. Speriamo che questo riconoscimento sia di stimolo per i giovani ricercatori e per le future generazioni di studenti che sceglieranno Pisa per i loro studi informatici”. Maurizio Costanzo