Turismo, sold out per Pasqua: "E al mare? Magari già da aprile"

Conti: "Miglioriamo l’offerta commerciale lavorando insieme e remando nella stessa direzione"

Turismo, sold out per Pasqua: "E al mare? Magari già da aprile"

Il sindaco Michele Conti commenta. l’andamento del turismo nel periodo delle. festività pasquali appena concluse, soddisfatto per i numeri registrati dalla città di Pisa con il tutto esaurito negli alberghi

"La Pasqua che abbiamo appena vissuto, con i nostri alberghi sold out, deve spingerci ad avere l’ambizione di fare molto di più, anche sul piano dell’accoglienza turistica e, più in generale, dell’offerta commerciale. Perché l’appeal di Pisa è fortissimo e internazionale e il turismo è un volano fondamentale della nostra economia". Il sindaco Michele Conti registra i buoni risultati del periodo ma guarda avanti.

Sindaco cosa serve per fare ancora meglio?

"Noi continueremo a lavorare sulle manutenzioni e le riqualificazioni del patrimonio pubblico cittadino, ma anche la componente privata può fare di più e meglio per diventare una destinazione turistica internazionale anche sotto il profilo dei servizi".

Si guarda all’estate. Presto apriranno anche gli stabilimenti balneari?

"Sarei molto contento, se il meteo lo permette, se si facessero trovare già pronti dai prossimi ponti primaverili. Allungare il più possibile la stagione turistica è un bene per tutti. Non solo per il litorale, sul quale abbiamo investito moltissimo in questi anni: penso ai circa 350 nuovi alberi che abbiamo piantato in queste settimane e che, a lungo termine, rappresentano anche una risposta alla crisi climatica che riguarda tutti, ma anche alle riqualificazioni delle piazze per creare una vera e propria promenade a mare che prima neppure esisteva. In Piazza Viviani stiamo concludendo il restyling che ha permesso di far nascere una nuova, bellissima, piazza dove prima c’era un parcheggio sterrato e polveroso".

Il miglioramento dell’offerta commerciale sta diventando un suo mantra.

"E’ vero e lo dico spesso perché ci credo. E’ nelle corde della nostra città fare questo salto di qualità. Ritengo che sia possibile e mi aspetto che si lavori, tutti insieme, remando dalla stessa parte. La città può e deve fare uno scatto in avanti che ci consenta di stare al passo con i tempi e con le richieste della clientela per essere moderni e attrattivi diventando davvero un posto dove soggiornare per un periodo più lungo di quanto non sia avvenuto finora".

Estate a Pisa fa rima con il litorale. Che novità dobbiamo attenderci?

"Auspico numeri di presenze turistiche alti come ci hanno dimostrato i flussi turistici del 2023. Ma anche le prime trasformazioni che permetteranno ai pisani di guardare al futuro prossimo".

E cioè?

"Entro l’estate sbloccheremo lo stallo che si è determinato per la realizzazione del comparto residenziale intorno al porto di Marina. Eseguiremo tutti i passaggi necessari in commissione e in consiglio comunale. E quindi potranno partire i primi cantieri per realizzare la nuova destinazione turistica ‘Villa Rondini’. Marina development corporation (Mdc), lo sviluppatore immobiliare incaricato dal fondo Pisa in progress che ha acquistato i terreni, potrà iniziare a costruire le prime residenze".

Anche il Pisa si è rimesso a correre e dopo al vittoria di lunedì sogna i play off. Lei era alla partita insieme a Knaster: che clima c’è tra club e Comune?

"Quello di sempre. La nostra amministrazione ha sempre avuto rapporti franchi e cordiali con la proprietà nerazzurra. Penso che al più presto possa decollare il centro sportivo: noi abbiamo fatto tutto ciò che era di nostra competenza, così come non abbiamo mai rinunciato a impegnarci sullo stadio. E lo faremo anche in futuro se ci sarà bisogno, come abbiamo fatto con l’intervento sul Curvino".