Ippica Ospiti internazionali

Prova per purosangue arabi nella "Moutai Cup". Importante il premio "Day Hospital veterinario di San Rossore"

Ippica Ospiti internazionali
Ippica Ospiti internazionali

L’ottava edizione della “Moutai Cup”, ricca prova per cavalli purosangue arabo, tiene il cartellone oggi a San Rossore. Sempre frequentata da ospiti internazionali, anche oggi vedrà in pista cavalli provenienti da Francia e Olanda con chances di prim’ordine. Moutai, com’è noto, è un distillato di cereali (frumento e sorgo) di 53 gradi diventato in Cina uno status symbol, immancabile negli incontri al massimo livello. La corsa si disputa sulla distanza molto selettiva dei 2200 metri. Ma il pomeriggio vivrà anche di altri momenti tecnicamente validi.

Nel premio “Day Hospital veterinario di San Rossore”, sul doppio chilometro, si celebra una struttura inaugurata nell’area delle scuderie Alfea l’8 maggio del 1989 per iniziativa del professor Piero Puntoni, consigliere della società. Il Day Hospital comprende attualmente un’ampia sala operatoria, dotata di attrezzature di ultima generazione: un box di anestesia e risveglio, un box di preparazione, una sala visite, un laboratorio di analisi dove possono essere effettuati esami ematologici, ematochimici, immunologici e batteriologi. E’ quindi possibile effettuare un vero e proprio check up standard del cavallo atleta. Si è detto che il Day Hospital fu voluto, dal professor Piero Puntoni, da tempo scomparso, all’epoca docente di chirurgia veterinaria, ed è a lui che sarà dedicata la condizionata maiden sulla distanza dei 1500 metri. In entrambe saranno in palio coppe per l’allenatore che saranno consegnata dal professor Fabio Carlucci, già Capo Dipartimento di veterinaria del nostro ateneo. Nel pomeriggio non va infine dimenticato il premio “Dario Simoni”, condizionata per 3 anni e oltre sulla distanza dei 1750 metri della pista grande con otto partenti. Dario Simoni, medico per mezzo secolo a San Rossore, fu anche studioso della vita cittadina (la sua opera più significativa fu “Medaglioni pisani”) e storico della tenuta fin dalle sue origini (“San Rossore nella storia”, edito da Leo Olscki, uscì nel 1910). Infine la corsa per gentlemen rider e amazzoni sui 1500 metri che ricorda Clemente Papi, il cavaliere magistrato, capace di vincere ben 588 corse in una generazione di cavalieri di grandi mezzi economici e innegabile bravura.

Sette corse in programma, si inizia alle 13,30; questi i nostri favoriti. I – Prince of Braccio, Amarena; II – Zinna, Naditza; III – Mr Bisso, Clandestina; IV – Fareedhat El Zizz. Eolo di Chia; V – Dolce Napoli, Vera Amicizia; VI – Nil Adamis, Aunar de Pine, Zubeya; VII – Il Grande Gatsby, Vis a Vis, Celtico Arcano.