Quotidiano Nazionale logo
13 gen 2022

Il Covid fa crollare le donazioni Scarseggiano sangue e plasma

L’appello del Gruppo Fratres di Pisa: "Scorte in esaurimento. Invitiamo i donatori: i centri. trasfusionali sono luoghi sicuri"

Un effetto collaterale del Covid è la carenza di sangue e plasma: un fenomeno che colpisce in particolar modo Pisa, dove si effettuano numerosi trapianti
Un effetto collaterale del Covid è la carenza di sangue e plasma: un fenomeno che colpisce in particolar modo Pisa, dove si effettuano numerosi trapianti
Un effetto collaterale del Covid è la carenza di sangue e plasma: un fenomeno che colpisce in particolar modo Pisa, dove si effettuano numerosi trapianti

Un ulteriore contraccolpo dell’emergenza Covid. Il rischio concreto di dover bloccare gli interventi chirurgici programmati. Fra i tanti problemi, la pandemia ha infatti causato anche il drastico crollo delle donazioni di sangue. E la diretta conseguenza è la carenza di sangue e plasma. Un fenomeno che si sia purtroppo registrando ovunque, in tutte le regioni e province d’Italia, ma in particolar modo nella nostra città, nelle cui strutture ospedaliere vengono effettuati, tra l’altro, numerosi trapianti che richiedono grande disponibilità di sangue e dei suoi derivati. Da qui l’appello del Gruppo Donatori Sangue Fratres di Pisa ai donatori: "Il periodo festivo prima, e i timori per il riaccentuarsi della diffusione del virus poi, hanno scoraggiato molti donatori, costringendo il Centro Trasfusionale, ad accedere alle scorte di emergenza per far fronte alla carenza di sangue. L’invito è quindi a recarsi al più presto e senza timore nei centri trasfusionali, nei centri di donazione e nelle strutture per una donazione straordinaria di sangue e piastrine. I centri trasfusionali sono in questo momento tra i luoghi più sicuri e controllati a cui poter accedere in totale sicurezza e tranquillità". La donazione – ribadisce l’associazione presieduta dall’avvocato Mirella Giannessi - "non presenta alcuna controindicazione con la vaccinazione anti covid-19, si può infatti donare trascorse 48 dalla somministrazione del vaccino. Ogni giorno in Italia oltre 1.800 persone necessitano di trasfusioni e questo fabbisogno non si ferma mai. In un momento così delicato per tutto il nostro Paese, ognuno può offrire il proprio contributo e fare la differenza, per garantire la continuità di tutto il sistema e dare una risposta adeguata, tempestiva e immediata alle necessità dei pazienti". Per la donazione è richiesta la prenotazione telefonica contattando i seguenti numeri: 3663664344 – 3476482711 - 3279065524. I Volontari Fratres che - si sta adoperando al fine di diffondere, ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?