PISA "Assembramenti? Sinceramente nessuno ed anche per noi è stata una sorpresa". Michele Mennucci, presidente delle guardie ecozoofile della sezione Nogra di Pisa, lo racconta così il primo settimana trascorso sulle spiagge libere del Litorale pisano con il compito anche di osservare ed eventualmente segnalare alla Polizia Municipale eventuali comportamenti non in regola rispetto alla normativa...

PISA

"Assembramenti? Sinceramente nessuno ed anche per noi è stata una sorpresa". Michele Mennucci, presidente delle guardie ecozoofile della sezione Nogra di Pisa, lo racconta così il primo settimana trascorso sulle spiagge libere del Litorale pisano con il compito anche di osservare ed eventualmente segnalare alla Polizia Municipale eventuali comportamenti non in regola rispetto alla normativa anti-Covid 19. Dall’ultimo fine settimana, infatti, tocca soprattutto a loro (oltreché a Legambiente per il "Punto Blu" di Calambrone) coadiuvare i vigili nei controlli sulle spiagge libere del territorio: d’intesa con l’amministrazione comunale, infatti, tutti i fine settimana, due guardie ecozoofile, con tanto di pettorina di riconoscimento, percorrono avanti e indietro le spiagge libere delle tre località della costa pisana allo scopo di verificare il rispetto delle normative anticovid-19 ma anche il corretto conferimento dei rifiuti e al rispetto dei diritti degli animali. E almeno nell’ultimo fine settimana le criticità hanno riguardato soprattutto questi ultimi due aspetti: "Soprattutto nell’ex area di Ciclilandia – dice Mennucci – abbiamo trovato molti rifiuti abbandonati che abbiamo prontamente segnalato all’Ufficio ambiente del Comune e inoltre sulle spiagge, specie al tramonto, abbiamo verificato la presenza di alcune tartarughe d’acqua: sono arrivate in mare dai fiumi dove sono state abbandonate, ma nell’acqua salata non possono stare e, quindi, in caso di ulteriori ritrovamenti dovremo portarle al centro recupero Wwf di Marina di Massa". Però, appunto, niente assembramenti. Almeno non in orario diurno. Va un po’ diversamente, invece, la sera: "Il nostro servizio non si estende all’orario notturno ma siamo a conoscenza anche noi del fenomeno delle spiaggiate e dei vandalismi che spesso li accompagnano. I proprietari e i gestori dei bagni chiedono controlli anche in orario notturno? Lo capisco – conclude Mennucci-: qualora l’amministrazione comunale ne avesse bisogno, noi siamo a disposizione".

Fra.Pa.