I cattolici e la vita politica a Pisa

Il nuovo volume del professor Stefano Sodi sarà presentato venerdì 2 febbraio alle 17.30 a Palazzo dei Dodici

La copertina del nuovo libro del professor Sodi
La copertina del nuovo libro del professor Sodi

Pisa, 30 gennaio 2024 – Venerdì 2 febbraio alle 17.30 a Palazzo dei Dodici (Piazza dei Cavalieri - Pisa) il professor Stefano Sodi presenterà “I cattolici e la vita politica a Pisa durante i pontificati di Leone XIII e Pio X (1878-1914)” (edizione Ets).

Il volume ripercorre i primi passi del movimento politico e sociale dei cattolici pisani durante i pontificati di Leone XIII e Pio X (1878-1914), che corrispondono all’ultimo periodo dell’episcopato di Paolo Micallef (1871-1883), all’intero di Ferdinando Capponi (1883-1903) e agli esordi di quello di Pietro Maffi (1904- 1931), dal 1907 cardinale, uno dei più eminenti esponenti della Chiesa cattolica durante il primo trentennio del XX secolo. È il tempo della Rerum Novarum, l’enciclica con cui per la prima volta la Chiesa prese posizione in ordine alle questioni che riguardavano la vita della collettività e fondò la sua moderna dottrina sociale, il cui esponente più noto a livello internazionale fu il prof. Giuseppe Toniolo (1845-1918), che nell’ateneo pisano insegnava dal 1879 Economia politica. Ma è anche il tempo del non expedit, il decreto che dal 1874 impediva ai cattolici italiani di partecipare alle e lezioni e in genere alla vita politica dello Stato italiano ed in particolare di creare partiti politici. Il tempo, infine, della lotta antimodernista, quando il magistero romano non solo riteneva possibile la riconquista cristiana della società senza gli strumenti offerti dalla modernità ma che anzi considerava la modernità stessa il principale freno alla restaurazione di Cristo. Pisa era allora una città proletaria, caratterizzata dall’ampia presenza della massoneria e dell’universo ‘sovversivo’, termine sotto al quale le autorità di polizia erano solite riunire anarchici, repubblicani e socialisti per sottolinearne la natura antagonista all’ordine costituito e dove quindi ‘fare politica’ per i cattolici era impresa ardua e rischiosa. Si ricostruiscono qui aspirazioni, azioni, organismi, successi e fallimenti di quanti, laici e sacerdoti, pensarono che fosse per la Chiesa pisana un dovere morale e civile «andare verso il popolo».