Pisa, 15 maggio 2019 - È Cristina Cattaneo il medico legale al quale si è affidata la procura di Pisa per eseguire una nuova autopsia - 20 anni dopo la morte - sui resti di Emanuele Scieri, il paracadutista della Folgore trovato morto sotto una torre di prosciugamento di paracadute della caserma 'Gamerra' il 16 agosto 1999.

Stamani il procuratore Alessandro Crini e il pm Sisto Restuccia, le hanno affidato l'incarico. L'esame sarà svolto il 21 maggio prossimo a Milano dall'anatomopatologa che in passato ha seguito il caso di Yara Gambirasio e che dovrà cercare sui resti di Scieri risposte chea mancano al puzzle accusatorio e che sono sostanzialmente riferite alla ricerca di traumatismi compatibili con eventuali atti di nonnismo subiti prima della caduta dalla torretta.

I legali dei tre ex commilitoni indagati per omicidio volontario in concorso, Alessandro Panella, Luigi Zabara e Andrea Antico, hanno contestato le modalità con le quali la procura, in assoluta riservatezza, ha deciso di riesumare la salma di Scieri (avvenuta ieri, a Siracusa) e poi convocare le parti per il conferimento dell'incarico al medico legale e per questo hanno fatto mettere a verbale che si riserveranno di chiedere la nullità dell'autopsia stessa. Cristina Cattaneo si è presa 60 giorni di tempo prima di fornire alla magistratura la sua relazione.