Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
18 mag 2022

Delusi ma non sconfitti "Ora speriamo nel ritorno"

In cinquecento al giardino de La Nunziatina per sostenere la squadra del cuore. I tifosi: "La Serie A è il sogno di una vita e noi non molliamo"

18 mag 2022

di Ilaria Vallerini

Il cuore nerazzurro non smette di battere nonostante questo strana impennata di caldo di maggio. A La Nunziatina suona il fischio d’inizio di Benevento-Pisa mentre scorrono sorrisi e birra tra i tifosi, quanto occorre per rinfrescarsi dall’arsura. Oltre 500 tifosi si sono dati appuntamento davanti al maxi-schermo forti delle loro speranze. "Vogliamo andare in finale e finalmente raggiungere la serie A, questo è il nostro più grande sogno. La nostra generazione non ha vissuto quel momento di gloria e ora è giunta l’ora di riscrivere la storia", affermano i migliori amici Filippo Fantacci, Lorenzo Francione e Leonardo Cosimi.

Il cambio di stagione influenza l’outfit di questa serata "Fa troppo caldo, la sciarpa è nel cuore", commenta il tifoso Antonio Ciociaro. Si ripongono nell’armadio gli indumenti invenali nerazzurri e si sfoggiano le maglie a mezze maniche con i colori del Pisa. Le “sorelle“ e i “fratelli“ di maglia sono presenti a tutti gli incontri. "Noi ci crediamo fino all’ultimo rantolo – dicono scherzosi –. La serie A? Non se ne parla, porta sfortuna", commentano Barbara Puccetti, la figlia Mery e Paola Mancini. Indossano anche loro la maglia verde proprio come i calciatori che corrono sul campo. Al 20esimo minuto il gol di Barba del Benevento fa paura, ma poi viene annullato e la platea si distende. I playoff fanno penare, è amore e odio. Il primo tempo finisce 0-0. Ci si rilassa. "Lei è una tifosa sfegatata", dicono dei ragazzi indicando Alice Pardossi. Una ragazza giovane, capelli d’oro, la maglia nerazzurra da quando era adolescente e andava allo stadio insieme a suo fratello. Una tradizione che non si è mai persa tra i due che si sono ritrovati fianco a fianco anche a La Nunziatina. "A questo punto non ci resta che sperare", dice. Secondo tempo. La tensione si fa sentire, le occasioni perse dal Pisa sono tante e lo sconforto nell’aria è palpabile. Poi all’84esimo minuto la rete di Lapadula gela tutti.

Termina la partita e i pisani rincasano rammaricati, ma non certi abbattuti. C’è ancora una partita di ritorno da giocare, proprio qui all’Arena, e la storia è ancora tutta da scrivere.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?