Pistoia, 16 aprile 2018 - Sport e disabilità: anche i pistoiesi risponderanno presente. Ci sarà anche una delegazione della città di Giano, guidata dal consigliere provinciale di AISM (Associazione Italiana Sclerosi Multipla) Riccardo Vescovi, domani mattina 17 aprile, dalle ore 10.30 alle 12 alla sezione AISM di Firenze, in Via Rocca Tedalda 273, per la prima tappa del “Parolimparty Tour”, un pulmino, 10 giovani, 9 tappe in Italia, un solo slogan “tutti liberi di fare sport”.

L’obiettivo del progetto è quello di contribuire alla promozione di una cultura sociale che non precluda il diritto di praticare sport ad alcuno. Il tour proseguirà sino a domenica 22 aprile. In sostanza, 10 giovani “ambasciatori” di AISM, coinvolti nel progetto “Parolimparty”, arriveranno nel capoluogo toscano a bordo di un pulmino per farsi portatori del messaggio di abbattere le barriere fra sport e disabilità. Il viaggio dei giovani ambasciatori è soltanto uno degli step del “Parolimparty”, iniziativa che culminerà in una mega riunione di sport da spiaggia ospitata dal lido Open Sea AISM di Milazzo dal 7 al 9 settembre di quest’anno.

Prima saranno organizzati incontri pubblici di sensibilizzazione rivolti anche agli studenti e formati una settantina di volontari, che si occuperanno della realizzazione delle attività, in qualità di tecnici, assistenti e giudici. Durante la “Tre giorni sportiva” giovani con sclerosi multipla e disabilità potranno cimentarsi in una decina di discipline (basket 3 contro 3 in carrozzina; sitting volley; tennis tavolo; tiro con l’arco ecc.) in piena inclusione e totale accessibilità nella speranza che l’iniziativa possa essere “adottata” e imitata da altre città italiane.

Parolimparty” si inserisce nella campagna #SMuoviti, lanciata da AISM per celebrare i suoi 50 anni di attività ed è una manifestazione basata sull’esperienza di “Mediterranea Eventi”, AISM e Associazione Bios, realizzata anche grazie al contributo della Fondazione Vodafone Italia, nell’ambito del bando “OSO-Ogni Sport Oltre”. Ricordiamo che Vescovi ha scoperto di avere la sclerosi multipla nel 2014, ma non ha mai smesso di fare sport, fronteggiando la malattia. Pratica ciclismo paralimpico.

“Il progetto ‘Parolimparty’ è volto alla diffusione della pratica sportiva tra le persone con disabilità e nello specifico tra le persone con sclerosi multipla – spiegano da casa-AISM –. Oggi le persone affette da sclerosi multipla sono circa un milione in Europa e 114mila in Italia. Dopo gli incidenti stradali, si tratta della seconda causa di disabilità nei giovani del Paese. Grazie alle ParOlimpiadi sono stati accesi i riflettori sullo sport per persone con disabilità e si è fatto strada il concetto di ‘diritto allo sport per tutti’. Nel nostro Paese le persone con disabilità che praticano lo sport sono pochissime, nonostante sia uno strumento fondamentale per favorire l’inclusione sociale, aiutare lo sviluppo fisico e mentale e la propria autostima”.