Un torpedone umano per portare i bambini a scuola. Subito prima dell’inizio delle vacanze di Natale è partita la prima linea cittadina del Pedibus. Si tratta di una sorta di autobus umano, con un adulto-autista e un adulto-controllore che aprono e chiudono la fila dei bambini, con fermate, orari e un tragitto sicuro. Tutti i bambini sono assicurati e indossano una pettorina catarifrangente per essere visibili mentre percorrono il...

Un torpedone umano per portare i bambini a scuola. Subito prima dell’inizio delle vacanze di Natale è partita la prima linea cittadina del Pedibus.

Si tratta di una sorta di autobus umano, con un adulto-autista e un adulto-controllore che aprono e chiudono la fila dei bambini, con fermate, orari e un tragitto sicuro.

Tutti i bambini sono assicurati e indossano una pettorina catarifrangente per essere visibili mentre percorrono il tragitto casa-scuola in tutta sicurezza e per scongiurare eventuali pericoli. Durante il percorso i bambini chiacchierano, scoprono il territorio, cantano e ridono per arrivare svegli e attivi a scuola. Per tenere a battesimo il progetto è intervenuto anche il sindaco Francesco De Pasquale che ha atteso bambini e accompagnatori al centro sportivo della polizia municipale della Doganella da dove il pedibus è partito poi per raggiungere il comprensivo ‘Taliercio’ di villa Ceci. Le linea verde sarà attiva tre giorni a settimana, martedì, mercoledì e giovedì. Per garantire l’arrivo a scuola qualche minuto prima dell’orario d’entrata l’orario di partenza sarà previsto per le 7.30, con una fermata intermedia sotto il viadotto dell’autostrada (info su www.scubim.itpedibus).

"Pedibus – sottolineano dal Comune - coinvolge attivamente gli alunni, educandoli alla mobilità sostenibile, promuovendo la loro autonomia e aiutandoli a riappropriarsi del piacere di camminare. Una modo divertente e salutare per liberare l’ingresso delle scuole da assembramenti e congestione del traffico e per garantire ai bambini una maggiore sicurezza e un’aria più pulita. Pedibus di Carrara – conclude il comunicato dell’amministrazione – nasce grazie al progetto Scuole a basso impatto promosso dai Comuni di Carrara e Massa e finanziato dal Ministero dell’Ambiente con il supporto di Cras e Euromobility".

"Iniziative come queste - commenta il sindaco Francesco De Pasquale - hanno una doppia importanza perché da un lato disincentivano l’affollamento dei mezzi pubblici e dall’altro hanno l’obiettivo di contrastare il fenomeno dell’obesità infantile. Nei prossimi giorni– prosegue il comunicato del sindaco – il percorso verrà rafforzato attraverso l’uso di segnaletica adesiva".