E’ inferocita e a nome di tutti gli invalidi ha scritto al governatore Eugenio Giani. Così Roberta Pintor dopo due giorni in cui il codice veniva rifiutato dal sistema per la vaccinazione ha scritto una lettera al presidente: "Ho ricevuto dalla Regione un messaggio nel quale mi si diceva che la mia prenotazione, nella...

E’ inferocita e a nome di tutti gli invalidi ha scritto al governatore Eugenio Giani. Così Roberta Pintor dopo due giorni in cui il codice veniva rifiutato dal sistema per la vaccinazione ha scritto una lettera al presidente: "Ho ricevuto dalla Regione un messaggio nel quale mi si diceva che la mia prenotazione, nella fascia disabili, era andata a buon fine. Poi un secondo messaggio con un codice, da inserire il giorno stesso dalle 19 in poi per confermare giorno e luogo per la vaccinazione. Così ho fatto, ma la data scelta era piena e mi si chiedeva di sceglierne un’altra. Ma qualsiasi scelta era tutto esaurito. Nel giro di tre minuti e con un codice senza scadenza. Inutili i tentativi successivi. La risposta una sola: “Il servizio è sospeso per mancanza di vaccini“. Poi l’arrivo di un altro messaggio con un altro codice valido dal 7 aprile. Tuttavia per tutta la notte ho provato ma la riposta anche in questo caso una sola: “Codice e codice fiscale non riconosciuti“. Mi sono sentita presa in giro: abbiamo la sfortuna di non essere né ballerini, né modelle, né avvocati o altri che hanno avuto il vaccino. Siamo solo dei disabili".

"Non so – aggiunge Pintor – quando e se riuscirò ad essere vaccinata e con me altri disabili, ma so che l’organizzazione delle vaccinazioni per i fragili in Toscana fa acqua".

Intanto dalla Regione fanno sapere che per i soggetti fragili i vaccini disponibili sono i Moderna e che la registrazione è attualmente chiusa "perché siamo entrati nella fase di prenotazione e vaccinazione (in funzione della disponibilità di vaccini). La registrazione sarà riaperta in seguito".